menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il logo della piattaforma

Il logo della piattaforma

Arriva Vuvuvum.com, il geo-marketplace dei servizi

Arriva Vuvuvum.com, il geo-marketplace dei servizi che guarda al mondo artigiano: un nuovo modo di fare compravendita che mette in contatto chi è vicino in modo veloce e verificato. Dall’idraulico alla dogsitter, ogni attività prevede una valutazione che serve a premiare qualità e affidabilità di chi offre il suo “saper fare”. E tutto a portata di smartphone

Acquistare e vendere servizi con grande facilità, senza rischiare fregature e restando dietro l'angolo di casa. È la scommessa di VUVUVUM.COM, la nuova start up che si basa sull'idea di favorire l’incontro tra chi cerca e chi offre in modo veloce, vicino e verificato.

Una piattaforma digitale accessibile dal proprio pc o dallo smartphone che guarda in modo particolare al mondo artigiano, un marketplace destinato a mettere in contatto chi cerca un servizio nelle immediate vicinanze e il tappezziere, l’idraulico, la baby-sitter o il bar che offre un menu pranzo low-cost, ma di qualità. Ogni utente infatti è geolocalizzato, per poter scegliere l’opportunità più vicina.

Come funziona Vuvuvum.Com? In modo davvero semplice: nel progettarlo sono state prese come riferimento le piattaforme già esistenti cercando di eliminarne tutti i difetti e le criticità per gli utenti. Una volta che si accede al servizio - totalmente gratuito - basta inserire nel campo di ricerca la Città e il quartiere nel quale si ha la residenza o il domicilio (o dove va effettuata/consegnata la prestazione). Poi ci verrà chiesto di indicare il servizio di cui abbiamo bisogno, i giorni e gli orari desiderati. Vuvuvum.Com si attiva e mette a disposizione in pochi istanti una quotazione immediata per ogni operatore (quello più vicino, con il miglior prezzo e le migliori condizioni) grazie al suo sistema di monitoraggio di alto profilo.

Chi ha una necessità urgente può indicarlo nella richiesta - dovrà ragionevolmente pagare un piccolo sovrapprezzo. Analogamente è possibile richiedere servizi fuori orario (di sera, di notte) o nel week end. Il progetto partirà dalla metà di ottobre a Milano, scelta anche come città pilota e banco di prova per un successivo sviluppo nazionale e poi internazionale.

E a Milano verrà presentato al pubblico il prossimo 29 settembre, negli spazi CNA di via Savona 52. D’altra parte il mondo artigiano non può che essere l’interlocutore privilegiato di questa start up innovativa, frutto della creatività del “made in Italy” e sensibile al work for equity, al crowdfoundng e all’emissione di Strumenti Finanziari Partecipativi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia torna in zona arancione, la decisione

Coronavirus

Che fine farà lo smart working a Milano dopo la pandemia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

  • Sport

    Il nuovo logo dell'Inter

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento