rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Economia

Gioco d'azzardo: arriva il numero di telefono "No Slot"

Si tratta di un numero di cellulare a disposizione per l'ascolto e il sostegno dei giocatori "a rischio" ludopatia. Altri progetti in cantiere

Continua la battaglia "proibizionista" sulle slot machines da parte del comune di Milano e della regione Lombardia. L'ultima notizia è il "Telefono No Slot", una linea attiva sette giorni su sette dedicata all'ascolto e al sostegno dei soggetti a rischio. Al numero (3351251774) rispondono operatori sociali in orario d'ufficio, altrimenti è possibile lasciare messaggi al centralino. E presto sarà attiva una app dedicata ai servizi e ai centri d'ascolto e assistenza per la ludopatia.

Cinque i progetti lanciati dal comune grazie a un finanziamento interno di 50 mila euro a cui si aggiungono i 200 mila euro finanziati dalla regione tramite un bando. Il primo progetto (Milano No Slot Ascolta) si propone di realizzare spazi di ascolto e di orientamento, con campagne di sensibilizzazione. Il secondo progetto (Milano No Slot Accoglie e Orienta) punta a predisporre spazi di accoglienza e sostegno dedicati alle famiglie dei giocatori patologici, ma anche all'offerta di consulenza legale, psicologica ed economica. Il terzo progetto (Milano No Slot Osserva e Certifica) mira a "mappare" i luoghi sensibili, per individuare le aree di pericolosità. Il quarto progetto (Milano No Slot Comunica e Informa) mira a realizzare una piattaforma informatica di supporto alla comunicazione. Infine il quinto progetto (Milano No Slot Educa e Forma) attua una campagna preventiva per gli studenti delle scuole medie e superiori.

La legge regionale e il regolamento edilizio comunale già impediscono di aprire nuove sale a meno di 500 metri dai luoghi sensibili (chiese, oratori, scuole, centri anziani), di fatto vietando più del 90% del territorio del comune di Milano. A questo si aggiungono le limitazioni nell'orario d'apertura, sempre volte a evitare che le persone potenzialmente più fragili frequentino questi locali. Provvedimenti che funzionano, secondo l'assessore regionale all'urbanistica Viviana Beccalossi, che si vanta di avere fatto diminuire le "macchinette" di 8 mila unità in un anno in tutta la Lombardia, mentre gli esercizi commerciali dotati di slot sono diminuiti di circa 1.300 unità (da 16.004 a 14.700). 

«La polizia locale, in nove mesi nel 2015, ha effettuato più di 4.600 controlli nelle sale gioco e, nel 10% dei casi, abbiamo riscontrato il mancato rispetto degli orari d'apertura», fa notare Marco Granelli, assessore comunale alla sicurezza. E secondo Pierfrancesco Majorino, assessore comunale al welfare, e Francesco Cappelli, assessore comunale all'educazione, occorre continuare a monitorare e controllare il territorio oltre a dotarsi di «adeguate iniziative di prevenzione e informazione».

Al progetto partecipa anche l'ordine degli avvocati attraverso gli sportelli "Avvocati in Zona" e lo sportello del Cittadino: sarà erogato un servizio di orientamento legale rivolto ai familiari dei giocatori. L'ordine collaborerà anche alle azioni di informazione e di sensibilizzazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gioco d'azzardo: arriva il numero di telefono "No Slot"

MilanoToday è in caricamento