rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Economia San Donato Milanese

Giuseppe Rotelli (San Donato) si candida per acquisto San Raffaele

E' Giuseppe Rotelli, già massimo esponente del nosocomio sandonatese, uno dei pretendenti alla testa del San Raffaele. Fino al 5 gennaio 2012 possibilità di nuove offerte

A pochi giorni dalla scomparsa di don Luigi Verzé, fondatore del san Raffaele, punta di diamante della sanità nazionale, inizia la corsa alla migliore offerta d'acquisto per l'ospedale lombardo. Tra i contendenti Giuseppe Rotelli, considerato uno dei massimi esponenti della della sanità regionale e già proprietario del Policlinico San Donato.

Questo è il dato reso ufficiale all'apertura delle buste nello studio milanese del notaio Enrico Chiodi Daelli. Infatti qui è arrivata solo l'offerta firmata dal patron del gruppo sandonatese: una proposta sviluppata in 47 pagine, più allegati, che valorizza gli asset in 305 milioni di euro in contanti che corrispondo a  55 milioni in più rispetto all'offerta richiesta dalla Santa Sede e da Vittorio Malacalza.

Questo programma prevede anche l’accollo di passività per altri 500 milioni rispetto al debito totale di 1,5 miliardi. A 24 ore dal termine si è ritirato, invece, Gianfelice Rocca, l'industriale a capo del colosso italo-argentino Techint che, appoggiato dal nosocomio lombardo Humanitas, aveva analizzato a fondo il dossier. I suoi avvocati, dopo aver studiato il caso attraverso il data-room del san Raffaele, avrebbero stabilito che non potevano esistere i presupposti per mettere a segno offerte allettanti.

La partita però è ancora aperta: infatti fino al 5 gennaio 2012 c’è tempo per rilanciare con nuove offerte, purché incrementate di almeno 50 milioni.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giuseppe Rotelli (San Donato) si candida per acquisto San Raffaele

MilanoToday è in caricamento