Economia

In occasione della 11esima Giornata nazionale del sollievo Nopain onlus presenta la seconda edizione del libro bianco sul dolore

Si è celebrata ieri in Italia l'XI Giornata Nazionale del Sollievo per la promozione della terapia del dolore. La Giornata del Sollievo è stata l'occasione per mettere al centro dell'attenzione la persona sofferente e informare tutti i cittadini dell'esistenza della Legge n. 38 del 2010 che tutela e garantisce l'accesso alla terapia del dolore e alle cure palliative. In occasione di questa Giornata, NOPAIN Onlus, Associazione Italiana per la cura della Malattia Dolore, ha presentato la seconda edizione del Libro Bianco, un nuovo studio sulla realtà e le Strutture di Terapia del Dolore presenti in Italia dove i dati emersi dalla nuova indagine sono messi a confronto con quelli elaborati nell'edizione 2008

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MilanoToday

Si è celebrata ieri in Italia l'XI Giornata Nazionale del Sollievo per la promozione della terapia del dolore. La Giornata del Sollievo è stata l'occasione per mettere al centro dell'attenzione la persona sofferente e informare tutti i cittadini dell'esistenza della Legge n. 38 del 2010 che tutela e garantisce l'accesso alla terapia del dolore e alle cure palliative.

In occasione di questa Giornata, NOPAIN Onlus, Associazione Italiana per la cura della Malattia Dolore, ha presentato la seconda edizione del Libro Bianco, un nuovo studio sulla realtà e le Strutture di Terapia del Dolore presenti in Italia dove i dati emersi dalla nuova indagine sono messi a confronto con quelli elaborati nell'edizione 2008 .

Dopo quasi 4 anni dalla precedente ricerca condotta da NOPAIN Onlus e a 2 anni dall'entrata in vigore della legge 38/2010, è emerso purtroppo il perdurare di un quadro nazionale variegato e frammentato.

 

IL QUADRO EPIDEMIOLOGICO

Due persone su 10 in Italia soffre di dolore cronico per lunghi periodi della vita, percentuale che sale fino a 5 persone su 10 quando si superano i 70 anni di età; si tratta quindi di circa 12 milioni di persone che hanno bisogno, in misura e in modo diverso, di essere trattate nel tempo. Ad esserne colpito è soprattutto il sesso femminile. Il 61% dei pazienti con dolore cronico subisce una riduzione della capacità lavorativa, il 50% soffre di depressione reattiva e i disturbi ansiosi sono presenti nel 40% dei casi. Spesso si è anche costretti ad abbandonare il posto di lavoro (11%). Il dolore in questi casi non è più un sintomo ma diventa una vera e propria malattia

 

AUMENTA IL NUMERO di strutture di terapia del dolore, ma non dei centri d'eccellenza

Anche questa seconda certificata indagine descrittiva, svolta secondo standard qualitativi e riferimenti normativi internazionali, ha coinvolto complessivamente tutte le Strutture che si definiscono di terapia del dolore o similari presenti nelle Aziende Ospedaliere pubbliche e accreditate su tutto il territorio nazionale.

La prima cosa che emerge è l'aumento numerico complessivo delle strutture che, nel periodo compreso tra il 2009 e il 2012, passa da 158 a 190 di cui 161 pubbliche e 29 private convenzionate. Tale incremento è però determinato solo dall'aumento delle strutture di I livello caratterizzate da un residuale numero di risorse, da modelli organizzativi e prestazioni algologiche elementari. Per contro il numero delle strutture avanzate di III livello, in grado di diagnosticare e trattare tutte le forme di dolore difficile è lievemente diminuito.

Su scala nazionale risultano 0.78 strutture totali di Terapia del Dolore per 250.000 residenti rispetto al precedente di 0,66; ma solo 0.21 strutture avanzate di III livello per 250.000 residenti.

"L'aumento della numerosità delle strutture di terapia del dolore non sembra aver portato a un cambiamento significativo nel livello complessivo di trattamento né tantomeno è migliorato l'accesso alle cure del paziente" ha dichiarato il dott. Paolo Notaro, Presidente di NOPAIN Onlus.

 

POCHI MEDICI SPECIALISTI DEDICATI

Nelle strutture esaminate operano complessivamente solo 360 medici dedicati, 1,4 per 250.000 residenti. La prevalenza specialistica dei medici attualmente dedicati alla terapia del dolore è di area anestesiologica ed è passata dall'89% al 91% dei casi mentre il ricorso degli psicologi si riscontra nel 52% delle strutture rispetto al 49,6% della precedente indagine. "Il poco personale addetto specificatamente alla terapia del dolore, unito alla scarsità delle risorse, è solo uno dei fattori principali che ostacolano la possibilità di attuare interventi complessi e di organizzare in maniera ottimale le attività a vari livelli, nella cura, nella ricerca, nello sviluppo tecnologico al fine di raggiungere in modo uniforme degli standard misurabili e confrontabili su tutto il territorio nazionale", ha commentato il dott. Notaro.

 

DIVERSITA' DI DENOMINAZIONI DELLE STRUTTURE DI TERAPIA DEL DOLORE E DIFFICOLTA' DI ACCESSO ALLE CURE

L'indagine ha evidenziato una marcata disomogeneità dei servizi offerti ai pazienti ai vari livelli, sia in termini di caratteristiche organizzative, interventi erogati, risorse a disposizione, sia per le denominazioni adottate dalle medesime strutture che rivelano spesso una certa confusione con i servizi offerti dalla rete di cure palliative. La variegata denominazione non è solo un problema di forma ma anche di contenuti in termini di prestazioni algologiche erogate spesso contrastanti tra di loro che sicuramente non agevola l'orientamento delle persone bisognose di cura, né favorisce la creazione di percorsi di cura ed assistenziali specifici. Attualmente in Italia ci sono oltre 21 denominazioni differenti delle organizzazioni che erogano prestazioni per la cura del dolore nei diversi ospedali

 

LA RETE

La legge 38 del 2010 prevede la creazione distinta di una rete per la terapia del dolore, una per le cure palliative e una rete pediatrica. "Purtroppo siamo ancora lontani dallo sviluppo delle reti a causa di una mancanza generale di risorse economiche e competenze adeguate" ha dichiarato il dott. Notaro. "E' evidente che non si può creare la rete del dolore cronico pensando solo di aumentare la prescrizione e l'uso di farmaci analgesici maggiori che peraltro in diverse sindromi dolorose non sono efficaci, o aumentando la formazione culturale di base eludendo tutta la problematica organizzativa, della numerosità e qualità delle competenze professionali."aggiunge il dott. Notaro

"La malattia dolore è una malattia complessa che spesso non guarisce, si può curare anche per tutta la vita per questo è necessario sviluppare strutture in grado di prendersi cura delle persone con dolore cronico". Un ruolo chiave dovrà essere svolto dal servizio di cure primarie e dall'aggregazione dei medici di medicina generale i quali, come tutte le altre figure coinvolte in mancanza di formazione universitaria, dovranno acquisire e sviluppare le competenze adeguate. Sarà inoltre necessario creare una buona relazione tra tutti gli operatori coinvolti non solo in termini di comunicazione ma anche di condivisione dei protocolli, standardizzazione, omogeneizzazione delle classificazioni, percorsi diagnostico terapeutici e indicatori di out come del paziente.

 

CONCLUSIONI

Sarà molto importante investire in formazione, informazione, aggiornamento, ricerca e risorse umane dedicate per allineare il trattamento del dolore cronico in Italia ai servizi offerti da altri paesi avanzati della Comunità Europea.

E' evidente, conclude il dott. Notaro che le criticità attuali del nostro paese e di tutti i paesi europei, obbligano a un ripensamento dei modelli organizzativi, territoriali, regionali o interregionali,anche con una riallocazione delle risorse competenti in modo tale aiutare concretamente le tante persone che soffrono inutilmente attraverso una più tempestiva ed efficace cura.

Una maggiore e necessaria consapevolezza del problema, e un ripensamento degli attuali modelli organizzativi porterebbe anche a una riduzione dei costi sociali complessivi intesi ad esempio come riduzione di tanti esami e terapie inutili e assenze da lavoro"

Le associazioni civiche e di volontariato in termini di solidarietà e sussidiarietà

possono portare un importante contributo per la realizzazione concreta della continuità di cura algologica tra ospedale e territorio.

Da ieri è possibile effettuare il download della versione digitale del Libro Bianco dal sito internet dell'Associazione, www.nopain.it.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In occasione della 11esima Giornata nazionale del sollievo Nopain onlus presenta la seconda edizione del libro bianco sul dolore

MilanoToday è in caricamento