menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine repertorio

Immagine repertorio

Milano, incentivi fino a 21mila euro per le partite Iva che cambiano auto: come chiederli

Il bando è attivo fino al novembre e fino all'esaurimento dei fondi (7 milioni di euro). Ecco come funziona

L'obiettivo di Palazzo Marino è uno solo: far sì che a Milano circolino sempre più veicoli a basso impatto ambientale. E dopo gli incentivi per i cittadini il Comune ha pubblicato un bando anche per le partite iva, artigiani e piccole imprese che utilizzano veicoli a motore per il loro lavoro. In cifre? Le agevolazioni possono arrivare fino a 21mila euro.

"Diamo un aiuto concreto alle imprese, ai soggetti del Terzo settore, a partite IVA e artigiani, che utilizzano veicoli a motore per il loro lavoro, sostenendo chi si muove in città e sceglie di utilizzare mezzi meno inquinanti - dichiara Marco Granelli, assessore alla Mobilità -. Ma aiutiamo anche la nostra città ad avere una migliore qualità dell'aria. Gli incentivi sono una delle strade che stiamo percorrendo per agevolare il ricambio del parco mezzi circolante a Milano. Sostituire un vecchio diesel, acquistare un furgone, un camion, o anche un'auto, uno scooter o una bici elettrica sarà più facile e meno oneroso".

Incentivi per cambiare auto e furgoni: come funziona

I contributi sono disponibili a partire da oggi, giovedì 30 luglio, e non oltre il 30 novembre 2020, fino all'esaurimento dei fondi disponibili, circa 7 milioni di euro; è possibile presentare domanda per veicoli acquistati a partire dallo scorso 4 maggio. Tutti gli incentivi saranno erogati una volta sola fino a cinque veicoli a scelta per ogni impresa. Gli incentivi sono destinati sono destinati alle micro, piccole e medie imprese aventi sede legale e sede operativa a Milano, alle imprese artigiane aventi sede legale/unità locale a Milano e/o di licenza per l’esercizio dell’attività di vendita su aree pubbliche rilasciata dal Comune di Milano, ai lavoratori autonomi titolari di partita IVA residenti in Milano, a enti del Terzo settore aventi sede legale e operativa a Milano.

Le imprese possono accedere alle agevolazioni per acquistare fino a cinque veicoli commerciali o veicoli per il trasporto delle persone, dal furgoncino fino all’autocarro e dall'autovettura al pullman, elettrico, ibrido, metano, GPL, benzina euro 6 ed anche diesel euro VI ma solo per i camion e i pullman di maggiori dimensioni (N2, N3 e M3). Ad esempio, in caso di sostituzione di un furgone il contributo è tra i 5.500 e 18.000 euro a seconda della categoria e in caso di camion il contributo arriva fino a 21mila euro. Sono inoltre previsti dei contributi per l’acquisto di scooter e cargobike ad alimentazione ibrida o elettrica. 

Le agevolazioni per le imprese sono concesse ai soggetti che contestualmente provvederanno alla demolizione di un veicolo delle categorie N1, N2, N3, M1, M2 e M3 con alimentazione a benzina fino ad euro 2/II incluso o diesel fino ad euro 5/V incluso, oppure di un motoveicolo o ciclomotore (classificati come categoria L) a due tempi fino a euro 2 o con alimentazione a gasolio fino a euro 2 o con alimentazione a benzina a quattro tempi Euro 0, 1.

Gli incentivi sono cumulabili con le agevolazioni concesse dallo Stato. L’importo del contributo comunale viene calcolato sul prezzo finale, già comprensivo del bonus statale.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Milano usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento