Martedì, 15 Giugno 2021
Economia

Milano, la laurea? Non è garanzia di lavoro

Indagine della Camera di Commercio meneghina: in media un neolaureato su cinque dopo un anno non ha ancora trovato lavoro. Ultimi ad avere lo stipendio, i laureati in veterinaria e giurisprudenza

Agognato titolo nel cassetto e poi, da dottori, si è quasi punto e a capo. Con cosa? Con la ricerca di un impiego. Secondo i dati diffusi ieri dalla Camera di Commercio di Milano, in media un neolaureato su cinque, dopo un anno, non ha ancora trovato lavoro.

I dati arrivano dalla presentazione della ricerca: "Il lavoro dei laureati in tempo di crisi". Fanalino di coda, si sono rivelati i laureati in veterinaria e giurisprudenza, mentre odontoiatri e architetti lavorano come autonomi. La classe che soffre di meno si conferma ingegneria, ma anche informatica e infermieristica rientrano tra le lauree che offrono lavoro più stabile.

  Le lauree che vanno meglio: economia, ingegneria e professioni sanitarie  


Il titolo di dottore è stato ridotto per i settori di manifattura, servizi finanziari e ICT. Per lavorare in questi settori non è indispensabile essere laureati e, in un caso su dieci, il lavoro offerto è uno stage. Per il 36% dei neolaureati, comunque, il lavoro è una collaborazione o uno stage. Almeno a Milano il dato è più elevato che nel resto della Lombardia.

Il consiglio? Le lauree con migliori prospettive sembrano confermarsi ingegneria, professioni sanitarie, economia. Fra gli occupati, rivela la ricerca, Milano è prima in regione: seguono Bergamo, Varese, Brescia e Brianza. E le donne? Sono più instabili nell'occupazione, anche se battono gli uomini per numero di lauree.

 

Scarica il rapporto "Il lavoro dei laureati in tempo di crisi" giugno 2010

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Milano, la laurea? Non è garanzia di lavoro

MilanoToday è in caricamento