Economia

JustEat assume a Milano oltre 1.000 rider con il contratto della logistica

+83% i ristoranti che hanno scelto il digital food delivery a Milano, arrivando a oltre 2.200 totali attivi su Just Eat

Una protesta dei rider per avere maggiori tutele

Sono oltre 1.000 i rider assunti da Just Eat a Milano con il contratto di lavoro del settore della logistica, trasporto, merci e spedizioni. Lo rende noto la società nelle scorse ore evidenziando come il gruppo prosegua nel percorso di "investimento sul territorio, creando posti di lavoro nella città, generando opportunità a sostegno della crescita del mercato del food delivery e migliorando il livello del servizio".

A Milano si completa l'implementazione del modello con i rider dipendenti con la volontà di "valorizzare ulteriormente il potenziale di crescita della città" che registra un trend positivo anno su anno con un incremento dell'83% dei ristoranti che hanno scelto il digital food delivery, arrivando a oltre 2.200 totali attivi su Just Eat in città.

Ai rider che già consegnano con Just Eat in città come lavoratori autonomi, viene proposto un contratto di lavoro con monte ore settimanale calcolato sulla media delle ore lavorate nel periodo precedente. La proposta di assunzione è fatta contattando direttamente i rider e dando loro la priorità di assunzione come da articolo 23 dell’accordo integrativo aziendale firmato con le organizzazioni sindacali nazionali CGIL, CIGL, CISL e UIL in data 29 marzo.

Quanto guadagneranno i rider JustEat

"Il contratto prevede l’applicazione di festività, lavoro straordinario, ferie, malattia, maternità/paternità - prosegue la nota - secondo quanto regolamentato dal Ccnl. La retribuzione segue le tabelle previste dal Ccnl con un compenso orario che di norma non sarà inferiore a 9 euro sino alla maturazione di un’anzianità lavorativa della durata complessiva di due anni. Ad un salario orario di partenza di 8,50 euro si aggiunge infatti il premio di risultato di 0.25 euro a consegna e l’accantonamento del Tfr, oltre alle eventuali maggiorazioni per il lavoro supplementare, straordinario, festivo e notturno. A Milano sono previsti diversi regimi orari di part time (da 10, 20 o 30 ore), i turni vengono pianificati mediante un’app dove il rider dà la sua disponibilità per la settimana successiva e Just Eat, considerando la preferenza, procede alla pianificazione della settimana lavorativa", conclude l'azienda.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

JustEat assume a Milano oltre 1.000 rider con il contratto della logistica

MilanoToday è in caricamento