Economia

Justmary fun pronta a quotarsi in Borsa nel 2020: round di crowdfunding da 300 mila euro.

La startup di consegna a domicilio di cannabis light, pronta a quotarsi in Borsa nel 2020. Al via un secondo round di crowdfunding da 300 mila euro

Gli investitori che hanno creduto nel progetto crowdfunding festeggiano pochi mesi dopo la prima campagna. La valutazione di justmary è cresciuta a €1,7M, dagli €1,1M della prima campagna. Oltre il 65% di incremento di valore in 5 mesi.

Milano - Dopo i successi raggiunti grazie al primo round su CrowdFundMe, oltre 55 mila euro di fatturato nel primi due mesi del 2019, Justmary, il servizio che consente di ordinare e ricevere a casa marijuana Light in meno di 45 minuti, vuole accelerare la sua espansione. La startup ha quindi deciso di affidarsi nuovamente all’equity crowdfunding per raccogliere capitale da destinare a nuove aperture. 

Obiettivo: 300.000 Euro. “Già in molti hanno creduto nelle potenzialità del nostro servizio – dichiara Matteo Moretti fondatore della startup milanese - Nella prima raccolta fondi, grazie a 105 investitori, è stato raggiunto un grande obiettivoIl capitale è stato utilizzato per rafforzare la presenza su Milano, potenziando la strategia di marketing e la piattaforma di delivery". 

“Attualmente cresciamo di oltre il 100% rispetto al 2018 con picchi di oltre 30 ordini giornalieri, vogliamo superare i 2 milioni di fatturato entro il 2020 e creare occupazione nel nostro Paese - aggiunge Moretti - Grazie a questo secondo round sarà possibile potenziare la presenza nelle località attualmente servite ed essere presenti, entro il 2019, in ben 4 città italiane con un anno di anticipo rispetto al piano industriale presentato a ottobre 2018. Stiamo conquistando numeri 5 volte superiori al budget e questo ci da la forza di accelerare l’espansione. Siamo confidenti di aprire il servizio, entro il mese di aprile 2019, in altre 2 città che annunceremo a breve". 

Ma non è tutto, l'accordo di fattibilità del processo di Ipo con la Pairstech Capital Management LLP è già stato siglato. Pairstech Capital Management Llp è il decimo fra i player più attivi sul mercato in Italia, alle spalle di Banca Sella, ma davanti a colossi come Bper, Cariparma e Banca Promos. 

“Vogliamo essere la prima società di cannabis delivery a essere quotata in borsa in Italia e in Europa. - spiega Matteo Moretti. – Questo è un mercato globale dal valore di oltre 166 miliardi di dollari e anche a Piazza Affari, dopo il Nasdaq, sarà possibile comprare azioni legate alla marijuana”. JustMary.fun assicura un servizio di delivery dalle 18 alle 24, garantendo la consegna in 45 minuti dall’ordine e offre la possibilità di pagare alla consegna in contanti o carta di credito. I fattorini girano in borghese per proteggere la privacy dei clienti. 

Per saperne di più sulla seconda campagna di crowdfunding di justmary: https://www.crowdfundme.it/projects/just-mary-2/

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Justmary fun pronta a quotarsi in Borsa nel 2020: round di crowdfunding da 300 mila euro.

MilanoToday è in caricamento