Non lavora di domenica per motivi religiosi: Cassazione gli dà ragione

E' successo a un dipendente delle Poste, che tra l'altro si era reso disponibile a lavorare durante i giorni feriali per recuperare

Un ufficio postale

Per motivi religiosi si rifiutò di lavorare durante la domenica. Poste Italiane decise di applicare sanzioni disciplinari contro il dipendente e ne nacque un procedimento giudiziario.

La cassazione ha ora stabilito che il dipendente aveva tutte le ragioni per rifiutare di lavorare durante il turno domenicale per i motivi addotti. In particolare, l'uomo non si era presentato per tre volte di domenica, ma si era invece presentato a turni feriali in cui, in teoria, sarebbe stato di riposo, per recuperare le ore mancate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, la Lombardia è zona arancione: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Zona rossa, zona arancione e zona gialla: quando serve l'autocertificazione

  • Lombardia verso la zona rossa da lunedì 18 gennaio

  • Milano, la Lombardia è zona rossa: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Milano, il negozio vieta l'ingresso "alle persone vaccinate di recente": il cartello diventa virale

  • Da oggi al 15 gennaio Lombardia in zona arancione, cosa si può fare e cosa no

Torna su
MilanoToday è in caricamento