'Dovevano assumerci, ci hanno sospesi', 100 operai in rivolta: 'Non siamo carne da macello'

I capannoni della Tnt sono stati occupati tre giorni. Poi martedì l'intervento della polizia

L'intervento delle forze dell'ordine

Entro il 1 aprile e il 1 maggio dovevano essere assunti, dovevano essere stabilizzati direttamente dalla casa madre. Dal 3 maggio sera, invece, sono formalmente sospesi perché tecnicamente - come recita la lettera che è stata loro consegnata - la loro "assegnazione è interrotta". È la storia dei lavoratori della Tnt di Peschiera Borromeo, colosso mondiale della logistica dell'americana Fedex. Nel giro di pochi giorni, in piena emergenza Coronavirus, la vita di 66 operai - al momento "allontanati" dal lavoro insieme ad altri 34 colleghi - è cambiata totalmente, passando da un contratto al rischio, quanto mai reale, di un licenziamento. 

I facchini, come racconta uno di loro a MilanoToday, sono tutti assunti a tempo indeterminato attraverso un'agenzia interinale e da anni - "anche dal 2008, 2009" - lavorano nello stabilimento di Peschiera. Lo scorso 6 marzo, al termine di un incontro tra azienda ed esponenti del sindacato Si Cobas, sembrava essere arrivata la svolta. In quella sede, infatti, Tnt si era impegnata ad assumere sotto se stessa - e quindi non più attraverso l'agenzia - i 66 dipendenti. 

Foto - Il verbale dopo l'incontro del 6 marzo

6 marzo incontro sindacale-2

"Le parti - si legge nel verbale firmato da tutti i presenti - dopo lunghe discussioni hanno raggiunto il seguente accordo: l'assunzione diretta da parte di Tnt di n.66 stabilizzati con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminati, full time, entro il 2 maggio 2020". 

E ancora: "In particolare le assunzioni saranno scaglionate in due tranches, la prima da concludersi entro il 1 aprile 2020 per l'assunzione di 33 stabilizzati, la seconda entro il 1 maggio 2020 per l'assunzione di rimanenti 33 stabilizzati". 

Dall'assunzione alla sospensione

E che l'azienda avesse preso l'impegno lo testimonia anche una mail - visionata da MilanoToday - che dagli uffici di Tnt hanno inviato il 18 marzo al sindacato Si Cobas.

"In allegato - riporta la mail - la lista dei 66 nominati su base di anzianità che verranno assunti da Tnt. I primi 33 saranno quelli evidenziati in giallo".

Foto - La mail dell'azienda ai lavoratori del 18 marzomail assunzioni 18 marzo-2


Di quelle 66 assunzioni, denunciano adesso i lavoratori, non si è vista però neanche l'ombra. E anzi cento facchini - tra cui proprio i 66 "in odore" di contratto - ad oggi non stanno più lavorando. La doccia gelata è arrivata domenica sera, il 3 maggio, un paio di ore prima che alcuni tra i lavoratori iniziassero il proprio turno. 

"La informiamo che - recita una fredda comunicazione arrivata dall'agenzia interinale -, come comunicatoci dall'utilizzatore, la sua assegnazione presso l'azienda Tnt è interrotta a partire dal 04.05.2020 fino a data da destinarsi. Quindi non dovrà più recarsi presso la stessa". 

"Il suo contratto - assicurano dall'azienda - rimarrà in essere e continuerà comunque a ricevere la retribuzione". Quindi, al momento, lo stipendio resta - anche perché proprio a causa dell'emergenza Coronavirus i licenziamenti sono più "complicati" -, ma il destino appare quanto mai segnato. 

La "rivolta" alla Tnt

Nella notte tra il 3 e il 4 maggio, a poche ore dalla sospensione, i lavoratori hanno così deciso di far sentire la propria voce e hanno, letteralmente, occupato i capannoni di Peschiera. 

Oltre cento facchini hanno preso "possesso" delle strutture bloccando i lavori e intonando cori e slogan contro l'azienda e contro i possibili licenziamenti. 

Martedì pomeriggio, dopo quasi tre giorni di manifestazione, in ditta sono arrivate le forze dell'ordine in assetto antisommossa e i poliziotti, non senza qualche attimo di tensione, hanno forzato il blocco e hanno disperso gli operai.

Quegli stessi operai ai quali, tra l'altro, sembra non sia stato dato nessun valido motivo per la sospensione. "Forse ci sono troppi operai o forse la merce è poca - spiega uno di loro -, ma ti giuro che carichiamo fino a 60 camion a turno". E ora promettono battaglia: "Se la merce da distribuire scarseggia dobbiamo accettare di essere licenziati? Noi - urlano da Si Cobas - non siamo carne da macello". 

Video | L'intervento delle forze dell'ordine

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, folle abbandona la mamma sull'A7, poi picchia un tranviere e si mette a guidare il tram

  • Follia alla Darsena: due ragazzi gettano in acqua un venditore di rose e poi scappano

  • Accoltellato sull'autobus a Milano, 23enne gravissimo in ospedale

  • Lo spettacolo della cometa Neowise, visibile a occhio nudo sopra Milano

  • Bollettino coronavirus Milano e Lombardia: 192 guariti, 15 nuovi positivi a Milano città

  • H&M chiude a Milano, lavoratori trasferiti ad Ancona (e non solo): "Non ci fanno rientrare"

Torna su
MilanoToday è in caricamento