menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cna: "Indicatori economici come se la Lombardia fosse in guerra"

"Pil 2020 al -9,8%, consumi al -11,1%, investimenti al -8,2%", mette in luce il presidente Daniele Parolo

"I dati più recenti elaborati dal nostro centro studi stimano una caduta dei principali indicatori economici assimilabile a quella di un regime di guerra: Pil 2020 al -9,8%, consumi al -11,1%, investimenti al -8,2%". Così il presidente di Cna (Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della Piccola e Media Impresa) Lombardia durante una conferenza stampa nella quale sono stati presentati  i risultati del secondo focus relativo all'impatto del Covid 19 sull'economia del territorio in base a quanto emerso dallo studio effettuato dall'Osservatorio economia e territorio per Cna Veneto e Cna Lombardia.

"Il dato relativo agli investimenti - ha aggiunto Parolo - ha in realtà contenuto le perdite previste dalle precedenti stime di ottobre (-13%), a testimonianza della grande resilienza del tessuto produttivo lombardo. Sarà fondamentale rigenerare fiducia, nelle famiglie e nelle imprese. La domanda interna costituirà il vero discrimine per una ripresa robusta e non solo trainata dall'export, pure decisivo per i segmenti più avanzati del mondo imprenditoriale".

La scorsa settimana  i vertici della Regione avevano chiesto al governo di poter riaprire alcune attività per rimettere in moto l'economica e  scongiurare una crisi senza via d'uscita. Il primo affondo era arrivato con la firma del presidente del Pirellone, Attilio Fontana, e dell'assessore allo sviluppo economico, Guido Guidesi. Dopo i primi mormorii informarli, venerdì i due avevano scritto una lettera ufficiale al governo per chiedere l'apertura di bar e ristoranti con servizio al tavolo fino alle 22, orario del coprifuoco, in zona gialla. Martedì mattina, poi, gli assessori di Regione Lombardia, Guido Guidesi (Sviluppo economico), Lara Magoni (Turismo) e Massimo Sertori (Montagna) hanno proposto di consentire agli alberghi privi di servizi di ristorazione, di utilizzare, esclusivamente per la loro clientela, i ristoranti presenti nelle vicinanze delle strutture ricettive. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento