rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Economia Lacchiarella / Via Isonzo

La fabbrica è all'asta: i lavoratori della Mamoli protestano per evitare il trasferimento

Succede a Lacchiarella, hinterland Sud di Milano. I lavoratori chiedono l'intervento del Municipio e della Regione

Braccia incrociate e nessuna voglia di entrare in fabbrica, uno sciopero per cercare di evitare il trasferimento. È scattato all'alba di lunedì 18 ottobre il presidio davanti ai cancelli della Mamoli, rubinetteria di Lacchiarella che dà lavoro a oltre 50 dipendenti.

Lavoratori e sindacati hanno incontrato la sindaca della cittadina a Sud di Milano, Antonella Violi, per cercare una soluzione al problema del capannone. Già perché il trasferimento dell'azienda è tutto legato al sito di produzione: lo storico stabilimento di via Isonzo in cui vengono realizzati i rubinetti è finito all'asta e il Gruppo Paini (società che nel 2016 salvò il marchio e i lavoratori dal fallimento senza però comprare le mura della fabbrica) preferirebbe spostare la produzione in un capannone di sua proprietà a Castiglione delle Stiviere (Mantova).

L'amministrazione comunale, in una nota congiunta con la Fiom, ha detto che farà di tutto affinché il sito produttivo della Mamoli resti a Lacchiarella. Il tutto facendo anche "Ricorso ad incentivi statali, regionali o europei che, si confida, potranno essere messi a disposizione al fine di consentire una valutazione alternativa al trasferimento", si legge nella nota. Questa richiesta, inoltre, verrà portata anche al tavolo convocato in Regione per il prossimo 22 ottobre. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La fabbrica è all'asta: i lavoratori della Mamoli protestano per evitare il trasferimento

MilanoToday è in caricamento