Lunedì, 14 Giugno 2021
Economia Via Don Luigi Sturzo

Chiude l'hotel del calciomercato: la manifestazione dei lavoratori

La protesta mette in risalto gli stipendi di (alcuni) calciatori in un momento di difficoltà generale per i lavoratori

Il presidio

Ultimo giorno di calciomercato all'Atahotel Executive di Milano, a Porta Garibaldi, e va in scena la protesta dei dipendenti dell'albergo, che hanno deciso di sfruttare l'alta visibilità (con numerosi giornalisti presenti) per portare alla luce i loro problemi.

Atahotel ha infatti annunciato la chiusura di otto alberghi, di cui ben cinque nell'area milanese: lo stesso Executive, il residence De Angeli, il residence Ripamonti, il residence Class e l'hotel Quark. La chiusura rischia di lasciare senza lavoro più di 400 persone: i 179 dipendenti e gli operatori di ristorazione (gestita da FeDe Group) e le addette alla pulizia e sanificazione delle camere (appaltato a società terze). 

I sindacati hanno indetto uno sciopero in tutti gli alberghi coinvolti e hanno organizzato il presidio davanti all'Executive per l'1 febbraio. Tra gli slogan scelti, alcuni mettono in risalto gli enormi stipendi di alcuni calciatori in un momento di grande difficoltà per i lavoratori.

Gli otto alberghi sono di proprietà dell'Enpam, l'ente di previdenza e assistenza dei medici, e sono in usufrutto alla catena internazionale Atahotels. E' di questo periodo la notizia che la gestione alberghiera degli immobili non sarà più condotta da Atahotels.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiude l'hotel del calciomercato: la manifestazione dei lavoratori

MilanoToday è in caricamento