Milano, rischia di scomparire nel nulla il mercato dell'antiquariato sul Naviglio

L'associazione che organizza la kermesse ha spiegato che i costi sono lievitati

Il Naviglio (associazionedelnavigliogrande@Fb)

Potrebbe scomparire il "Mercatone dell’Antiquariato" sul Naviglio. E non sarebbe il solo evento a traballare: in bilico ci sono anche Fiori e Sapori, Arte sul Naviglio e la tradizionale (e spettacolare) luminaria natalizia lungo il corso d'acqua. In pratica tutti gli appuntamenti organizzati all'ombra della Madonnina dall'associazione del Naviglio Grande. Il gruppo, infatti, ha fatto sapere attraverso una petizione spontanea al comune che i costi degli eventi non sono più sostenibili.

Al centro della questione c'è l'aumento dei costi di gestione legati "alla sicurezza, sempre garantita fin dal posizionamento dei jersey, (barriere in cemento antiterrorismo poste ai varchi del Naviglio), ora incrementati dai costi sostenuti per adeguarsi alle disposizioni sanitarie in materia anticovid, quali covid manager e personale qualificato di servizio, nel rispetto delle ordinanze regionali e comunali".

"Questi costi sono sempre stati assorbiti dall’Associazione a tutela dei propri Espositori, per non gravare sulla quota di partecipazione, lasciandone quindi il costo invariato. Ad oggi — ha spiegato l'associazione — i costi elevati sopracitati, motivo di crescente criticità, rendono impossibili, perché non più sostenibili, le nostre manifestazioni, oltre alle nostre storiche iniziative in omaggio alla Città, quali il Calendario annuale e la Luminaria natalizia sul Naviglio Grande, tanto amata e fotografata da milanesi e non".

La richiesta dell'associazione

L'associazione ha chiesto al comune di ridurre al coefficiente di natura culturale il costo del plateatico delle manifestazioni (allargato e gratuito dal mese di maggio per molte altre attività commerciali). "Chiediamo, inoltre, che vengano ridotti i costi della Polizia locale a presidio dei varchi antiterrorismo, ad oggi eccessivamente onerosi — ha proseguito l'associazione —. Questo è il nostro appello per non privare gli Espositori del loro posto di lavoro e la cittadinanza di un’Associazione che da ben 38 anni opera con eventi di carattere culturale sul Quartiere e la città di Milano di eventi riconosciuti ed apprezzati da turisti ed amanti del Naviglio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Milano, spacca vetrata all'Esselunga e cerca di rubare i soldi dalle casse: preso

  • Incendio a Cologno, fiamme ed esplosioni nel condominio: casa distrutta, palazzo evacuato

  • Bresso (Milano), due agenti della polizia locale accoltellati: uno è grave

  • Coronavirus, dal 27 novembre la Lombardia vuole diventare zona arancione. Cosa cambia

  • Lombardia verso la zona arancione: ma non c'è nulla da esultare. I numeri

Torna su
MilanoToday è in caricamento