menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
"Rottamazione" delle multe più vecchie

"Rottamazione" delle multe più vecchie

Multe, avviata la "rottamazione" di quelle più vecchie

Si tratta di quelle che risalgono a prima del 2005 e mai pagate. C'è tempo fino alla fine di aprile 2015 per aderire al programma

A partire dall'ultima settimana di febbraio Equitalia, per conto del Comune di Milano, invierà circa 160mila comunicazioni per offrire la possibilità di chiudere, con un pagamento agevolato, i debiti per le multe elevate fino al 31 dicembre 2004, già iscritte a ruolo e mai pagate. Questa "rottamazione" delle vecchie sanzioni per violazione al Codice della Strada completa il passaggio deciso da Palazzo Marino che dallo scorso ottobre esercita in forma diretta la riscossione volontaria e coattiva delle proprie entrate.

E con questa iniziativa l'Amministrazione intende alleggerire sensibilmente i vecchi carichi. Per i cittadini ll'effetto dell'adesione alla "rottamazione" sarà quello di far tornare indietro l'orologio ai tempi del verbale. Per chiudere questi debiti con Equitalia, infatti, i cittadini dovrebbero pagare ben più della sanzione iniziale. A quella cifra si sono sommate negli anni le maggiorazioni per il tardivo pagamento che scattano dopo i primi 60 giorni, quella successiva pari al 10% per ogni ulteriore semestre di ritardo, oltre all'aggio, ossia la percentuale a carico del debitore destinata all'Agente di riscossione.

"Per fare un esempio pratico - spiega il Comune di Milano - in caso di sanzione per divieto di sosta elevata nel 2004, dagli euro 44,60 iniziali oggi il debito con Equitalia per quella multa assommerebbe a 167,87 euro. Accogliendo l'invito alla "rottamazione" si potrà chiudere la propria posizione debitoria con un sensibile risparmio: saldando cioè il minimo della sanzione, le spese di notifica e l'aggio, ridotto al 4%. In sostanza pagando 47,22 euro".

La scadenza per aderire alla "rottamazione" delle vecchie multe è stata fissata al 30 aprile 2015. I destinatari della comunicazione dovranno rivolgersi direttamente ad Equitalia per avere chiarimenti. La legge prevede espressamente che la procedura di definizione agevolata delle sanzioni al Codice della Strada possa essere attuata solo attraverso l'Agente di riscossione Equitalia a cui nel corso degli anni erano stati consegnati i debiti già iscritti a ruolo (sanzioni al Codice della Strada elevate sino al 31 dicembre 2004) e quindi riscuotibili solo da quella società.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento