Banda ultra larga di Open Fiber a Peschiera Borromeo (Milano), investimento da 2 mln

Nel mese di dicembre sono state aperte alla commercializzazione le prime 2mila unità abitative nel quartiere di Mezzate

La rete a banda ultra larga di Open Fiber corre lungo le strade di Peschiera Borromeo: nel mese di dicembre sono state aperte alla commercializzazione le prime 2mila unità abitative nel quartiere di Mezzate (dove è installato anche il POP-Point of Presence, ossia la centrale che accenderà la fibra di tutta la città), e i cittadini possono quindi già rivolgersi a uno degli operatori partner di Open Fiber per cominciare a navigare sul web con prestazioni altamente affidabili.

La società guidata da Elisabetta Ripa, con un investimento diretto di 2 milioni di euro, sta realizzando anche a Peschiera Borromeo un’infrastruttura in modalità FTTH (Fiber To The Home, fibra fino a casa) di circa 54 chilometri, che rappresenta la tecnologia più all’avanguardia presente sul mercato e abilità velocità di connessione fino a 1 Gigabit per secondo. Nella classificazione AGCOM, all’FTTH è stato assegnato un bollino verde con la sigla “F”, “fibra”.

Open Fiber è un operatore wholesale only, non eroga servizi al cliente finale ma è attiva esclusivamente nel mercato all’ingrosso offrendo l’accesso a tutti gli operatori a condizioni tecniche ed economiche non discriminatorie. I principali operatori partner di Open Fiber, insieme a Internet service provider locali, stanno già commercializzando servizi sulla rete ultraveloce realizzata nel comune di Peschiera Borromeo: qualora i cittadini vogliano richiedere l’attivazione, non devono far altro che verificare la copertura del proprio indirizzo sul sito openfiber.it, contattare uno degli operatori disponibili e scegliere il piano tariffario preferito. Il vicesindaco e Assessore Smart City Marco Righini illustra: “Il traguardo raggiunto è il frutto della collaborazione con Open Fiber verso l’efficientamento della rete informatica e quindi delle telecomunicazioni di Peschiera Borromeo. Tra non molto anche i cittadini di altre aree potranno utilizzare questa risorsa: presumibilmente entro la prossima estate tutte le abitazioni previste dal progetto saranno attivate, oltre ai 12 punti comunali già previsti. Questo nuovo progetto di implementazione della fibra è reso possibile grazie alla sinergia attivata tra Open Fiber e la nostra Amministrazione, che ha messo a disposizione le infrastrutture necessarie, limitando così di dover sollevare lunghi tratti di manto stradale per la posa”. “Questa infrastruttura è un asset strategico per la crescita del nostro Paese – sottolinea Antonio Chiesa, Regional Manager di Open Fiber – e siamo molto soddisfatti che tutti gli interventi siano eseguiti in stretta sinergia con l’Amministrazione comunale. Il nostro è infatti un progetto importante per tutto il territorio: Open Fiber sta investendo oltre 90 milioni di euro per cablare 25 comuni dell’area metropolitana di Milano, per un totale di oltre 300mila unità immobiliari collegate alla banda ultra larga. Specialmente gli ultimi mesi caratterizzati dalla pandemia di Covid-19 hanno più che mai reso evidente la necessità di disporre di reti FTTH, che consentono a tutti i cittadini di continuare a svolgere le proprie attività lavorative e di studio anche da remoto”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, la Lombardia è zona arancione: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Zona rossa, zona arancione e zona gialla: quando serve l'autocertificazione

  • Lombardia verso la zona rossa da lunedì 18 gennaio

  • Milano, il negozio vieta l'ingresso "alle persone vaccinate di recente": il cartello diventa virale

  • Milano, la Lombardia è zona rossa: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Da oggi al 15 gennaio Lombardia in zona arancione, cosa si può fare e cosa no

Torna su
MilanoToday è in caricamento