Domenica, 13 Giugno 2021
Economia

Pfizer attacca l'Aifa: "Ammazza la ricerca"

La sede milanese dell'azienda farmaceutica Pfizer apre le porte alla regione Lombardia. L'obiettivo è aumentare i finanziamenti alla ricerca e all'innovazione

Sono gli anni ’90 e la Pfizer, nota azienda farmaceutica, lancia un prodotto destinato a cambiare la vita di molti uomini: il Viagra. Nell’ultimo ventennio il colosso del farmaco sperimenta in ogni ambito della ricerca e nel settore oncologico introduce nuovi farmaci meno dannosi per i pazienti. Solo in Italia i centri coinvolti nello sviluppo di nuove innovazioni sono 60 di cui tre si trovano a Milano e sono inseriti in un programma internazionale detto “Inspire”.

Ad oggi Pfizer Italia non ci sta e attacca l’Aifa (Agenzia Italiana del Farmaco). “Dal 2013 ci portiamo dietro un grosso problema. Il decreto Balduzzi ammazza la ricerca”: così Massimo Visentin - amministratore delegato e presidente - lancia un’aspra critica all’attuale sistema sanitario italiano. "Il decreto approvato nel 2012 prevede che lo Stato metta a disposizione un determinato budget per le aziende farmaceutiche. Se queste lo superano, devono pagare il 50% in più rispetto a quello che avevano investito. Interesse a innovare pari a zero, questa è la lettura che il management americano ha dell'Italia".

La casa farmaceutica chiede nuove regole per essere più competitiva e per farlo bussa alle porte di Regione Lombardia. “L’obiettivo è quello di chiedere un aiuto concreto per realizzare nuove opportunità di collaborazione tra noi e una regione all’avanguardia sul fronte della ricerca come quella lombarda per continuare ad attrarre nuovi investimenti”, continua Visentin.

La risposta da parte dell'assessore alla Regione non si fa di certo attendere. “La Lombardia è l’epicentro di un ricchissimo sistema di innovazione, è la prima regione italiana biotech, molto propensa a sperimentare per evolvere e a scommettere su un lavoro di ricerca che coniughi sviluppo, salute e benessere”: queste le parole di Luca del Gobbo durante la sua visita nella sede milanese di Pfizer Italia.

Il gruppo Pfizer è presente a Milano dal 1955 e ad oggi al secondo posto nella classifica farmaceutica italiana. Il sito entra a far parte del gruppo nel 2003, con l'acquisizione dell'azienda Pharmacia, le cui radici risalgono al 1837, quando il farmacista italiano Carlo Erba fondò la propria compagnia, trasformata nel 1978 in Farmitalia Carlo Erba. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pfizer attacca l'Aifa: "Ammazza la ricerca"

MilanoToday è in caricamento