Economia

Poveri in Lombardia: sono in aumento secondo il Banco Alimentare

L'associazione stima più di 500 mila lombardi in condizione di povertà assoluta

Mentre l’indice di povertà assoluta in Italia cala, in Lombardia il numero dei poveri aumenta e cresce del 9%. La situazione crea dunque allarme, almeno stando al bilancio sociale 2014 dell'associazione Banco Alimentare, presentato a Milano mercoledì 4 novembre. Secondo i dati, nel 2014, sono state 568 mila le persone in condizione di povertà assoluta in Lombardia.

L'aumento di povertà in Lombardia è legato anche alla maggior concentrazione di immigrati: nel nord Italia si registra il più alto numero di permessi di soggiorno, così come di famiglie numerose. E va oltre il 23% la percentuale di povertà assoluta nel caso di famiglie straniere e numerose insieme. Preoccupano particolarmente i minori: sono 76 mila quelli che versano in condizioni di povertà.

Il Banco Alimentare ha assistito quasi 250 mila persone bisognose nel 2014: circa il 43% dei poveri stimati in regione. Ha distribuito ogni giorno 76.700 pasti per un totale di 28 milioni nell'anno, raccogliendo 14 mila tonnellate di alimenti. Tutto grazie a 656 volontari, 17 dipendenti, 576 aziende donatrici di alimenti e 1.289 strutture caritative accreditate.

«Alla crisi economica che continua a interessare le famiglie italiane si è aggiunta quest’anno una situazione straordinaria di richiesta di aiuto a supporto dell’ondata migratoria che ha riguardato la nostra Regione - dichiara Roberto Vassena, presidente del Banco Alimentare della Lombardia -. Un’emergenza che abbiamo tutti insieme saputo gestire, sinergizzando al massimo gli sforzi e la collaborazione fra governo della regione ed enti caritativi».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Poveri in Lombardia: sono in aumento secondo il Banco Alimentare

MilanoToday è in caricamento