rotate-mobile
Economia

A Milano le case costano troppo secondo lo scrittore Jonathan Bazzi

Lo scrittore ha detto pubblicamente di stare pensando di lasciare la città a causa dell'aumento dei prezzi

Cercare e acquistare casa a Milano è diventato letteralmente un incubo: immobili fatiscenti a prezzi stellari fanno da contorno a una situazione economica precaria. Non sono pochi quelli che decidono di accantonare il progetto e tra questi c'è lo scrittore Jonathan Bazzi (autore di Corpi Morti Mondadori), classe 1985 cresciuto a Rozzano.

"Ormai è prassi chiedere 700 euro per una stanz a e almeno 1.000 per un monolocale - ha scritto Bazzi su Twitter, trasferitosi a Milano a 21 anni per sfuggire alla sua città natale, Rozzano, dove si sentiva 'un bersaglio mobile', come denunciato nel suo bestseller -. E andrà sempre peggio. Questi standard non sono sostenibili, se non per pochi. Inizio a pensare che il futuro non sarà più qui, nella mia città".

Comprare una casa a Milano sta diventando sempre più costoso. Nel primo semestre del 2022, secondo i prezzi registrati dall'Osservatorio del mercato immobiliare (Nomisma), c'è stato un aumento del 6%, praticamente il doppio che altrove. I rincari hanno riguardato tutta la città: dal centro alle periferie. Ma non è tutto, il trend per i prossimi tre anni è ancora in crescita e prevede una nuova impennata del 12%. Gli aumenti sono legati a doppio taglio all'incremento delle compravendite (pari al +24%). Non va meglio neanche sul fronte affitti dove i prezzi si sono nuovamente impennati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Milano le case costano troppo secondo lo scrittore Jonathan Bazzi

MilanoToday è in caricamento