menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ortomercato, è polemica

Ortomercato, è polemica

Ortomercato, gli operatori: "Aprire un'ora prima costa, Sogemi contribuisca"

Per gli operatori il volume d'affari non è aumentato

Continuano le polemiche sull'apertura anticipata dell'Ortomercato, dalle cinque alle quattro di mattina, che ha provocato la protesta di molti operatori culminata, sabato 31 gennaio, nello sciopero. "Sogemi (la società di gestione, n.d.r.) contribuisca a sostenere i costi aggiuntivi che per noi sono di circa 2 milioni e mezzo di euro", ha affermato Fausto Vasta, presidente dell'associazione grossisti ortofrutticoli.

Secondo l'associazione, per il momento l'apertura anticipata non ha prodotto volume d'affari in più. "Gli acquirenti - nota Ketty Capra, vicepresidente - sono sempre gli stessi e comprano la stessa quantità di merce anche se iniziano un'ora prima. Al limite, anche in vista di Expo per raggiungere nuovi clienti, ristoratori e strutture alberghiere, forse bisogna chiudere più tardi. Ma bisogna decidere su dati oggettivi e impegni certi".

Circa 500 lavoratori hanno firmato una petizione contro questo anticipo di apertura.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Come sarà il nuovo piazzale Loreto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Cannabis (light) gratis con Isee fino a 40.000 euro

  • Sport

    Tanto col calcio vale tutto

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento