Economia

Cgil, da inizio anno esplosione della cassa integrazione

Nei primi otto mesi dell’anno le ore di cassa integrazione tra Milano e Provincia sono quasi quintuplicate. Il settore più colpito è l’industria e i lavoratori coinvolti sono quasi 20mila. Particolare preoccupazione quest’anno per il settore scuola

La cassa integrazione di Milano e Provincia, nei primi otto mesi dell’anno, è cresciuta di ben 4,6 volte: da 5,7 a 27 milioni di ore. Lo ha affermato la Camera Generale del Lavoro, presentando i dati del dipartimento mercato del lavoro e formazione e del dipartimento politiche territoriali sulla crisi.

Sempre secondo le statistiche, i lavoratori coinvolti da questo fenomeno sono circa 19500: il 70% della cassa integrazione riguarda gli operai e il restante 30% gli impiegati. In termini di settori, l’845 dei cassa integrati sono impiegati nell’industria e solo il 10% nel commercio.

Molto colpito anche il settore scuola: i docenti di Milano e Provincia scendono infatti a 1355 unità, mentre il personale Ata si ferma a quota 748 impiegati.

“Di crisi si parla maledettamente poco e noi intendiamo portare in piazza questi problemi con una grande manifestazione cittadina, che speriamo di fare insieme a Cisl e Uil, nel mese di ottobre. Non basta intervenire contro la crisi utilizzando gli ammortizzatori sociali, occorre definire politiche di intervento con il pubblico e il privato perché nessuna impresa e nessun lavoratore deve essere lasciato solo” ha dichiaro Onorio Rosati, segretario generale della Camera del Lavoro.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cgil, da inizio anno esplosione della cassa integrazione

MilanoToday è in caricamento