Riaprono i negozi di Milano, il sindaco Sala: "È giunto il momento di dar loro una mano"

Lo ha detto il primo cittadino di Milano durante il suo consueto videomessaggio sui social

Milano (foto di Andrea Cherchi/Semplicemente Milano)

Il cuore economico di Milano è pronto a ripartire. " i numeri sono impressionanti, ci sono  2.200 negozi di abbigliamento, 700 di calzature, 2.900 parrucchieri, 4.800 bar, 3.400 ristoranti". Si tratta per la maggior parte di piccoli imprenditori "che vivono di casa e bottega mettendo insieme il bilancio della loro attività e della loro famiglia. Sono in difficoltà e io credo che sia il momento di dar loro una mano", ha spiegato il primo cittadino di Milano, Giuseppe Sala, durante il suo consueto vidoemessaggio sui social pubblicato nella giornata di sabato 16 maggio.

"Le vetrine dei negozi sono un po' gli occhi della città e da lunedì vedremo questo occhi riaprirsi. C'è un quotidiano tedesco 'Süddeutsche Zeitung', di solito non molto tenero nei giudizi sul nostro Paese, che descrive questo ritorno alla normalità dell'Italia e di Milano — ha proseguito Sala —. Il giudizio su Milano è veramente lusinghiero, viene descritta come la capitale industriale e finanziaria del Paese, ma soprattutto si sofferma sulle altre qualità a partire dalla moda, Milano appare come un autentico laboratorio di bellezza.

Il video, postato sulla sua pagina Facebook del sindaco, si è chiuso al bancone del bar Marchesi dove Sala ha bevuto un "caffè ancora da asporto", servito da un barista rossonero che si mette sull'attenti. "Adesso riparte il campionato, per un interista mettere sull'attenti un milanista...", le parole del primo cittadino. "Quando possiamo ricominciare a metterlo nella chicchera?", ha chiesto il barista facendo riferimento alla possibilità di utilizzare la tazzina in ceramica. "Vado fuori, bevo il caffè e poi vado a chiamare Fontana", ha risposto Sala.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Milano, spacca vetrata all'Esselunga e cerca di rubare i soldi dalle casse: preso

  • Incendio a Cologno, fiamme ed esplosioni nel condominio: casa distrutta, palazzo evacuato

  • Bresso (Milano), due agenti della polizia locale accoltellati: uno è grave

  • Coronavirus, dal 27 novembre la Lombardia vuole diventare zona arancione. Cosa cambia

  • Violenza sessuale a Milano, ragazza stuprata dal cugino del padre: "Se parli ti taglio la testa"

Torna su
MilanoToday è in caricamento