Economia Duomo / Piazza della Scala

Teatro alla Scala, repliche raddoppiate salvano il bilancio

Nel 2019 passano da 5 a 12 le recite della 'Traviata', che fa sempre tutto esaurito

Il Teatro alla Scala di Milano prevede un bilancio in pareggio per il 2019. Questo risultato sarà possibile grazie all'aumento delle repliche de 'La Traviata' - opera che normalmente fa registrare il tutto esaurito - che passeranno da 5 a 12.

Il bilancio 2018 della Scala si è chiuso in pareggio, con un budget di circa 126 milioni, in linea quindi con quello del 2017 che era di 126,5 milioni di euro. Il 17 dicembre inoltre è arrivata l'approvazione definitiva da parte di assemblea dei soci e Consiglio di amministrazione. Il contributo del Comune, che lo scorso anno era stato ridotto a 5 milioni è invece risalito a 5,8.

Rispetto agli anni scorsi si è verificata una diminuzione dei ricavi da biglietteria, dovuta soprattutto al nuovo sistema antibagarini e ad alcuni titoli in cartellone poco conosciuti dal grande pubblico come 'Die Fledermaus' o 'Fin de Partie'. A questa riduzione, però, ha fatto da contrappeso una riduzione dei costi e un aumento dei contributi privati.

Per il 2019 la previsione è quella di un bilancio ancora pari, sempre intorno ai 126 milioni di euro, con un miglioramento delle vendite di biglietti grazie a dieci spettacoli in più e un cartellone più 'popolare'.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Teatro alla Scala, repliche raddoppiate salvano il bilancio

MilanoToday è in caricamento