Economia

Morti bianche, serve più sicurezza: la Fiom-Cgil invita allo sciopero

Otto ore di astensione dal lavoro domani, 12 marzo. Lo chiede la Fiom-Cgil ai lavoratori, per chiedere maggiore rigore nell'applicazione della sicurezza sul lavoro. Il sindacato: per le aziende è un costo

Otto ore di sciopero per chiedere maggior rigore nella sicurezza sul lavoro. È quanto chiede Fiom-Cgil ai lavoratori milanesi per domani. Sempre per domani, 12 marzo, è già previsto uno sciopero generale di 4 ore, indetto da Cgil, per difendere l'articolo 18 e contro i licenziamenti.

Ma dopo la tragedia di ieri, nella quale ha perso la vita un giovane operaio a Trezzo sull'Adda (Mi), il sindacato ha chiesto di estendere lo sciopero a tutta la giornata lavorativa. Per il sindacato, applicare le norme sulla sicurezza nei luoghi di lavoro è un costo per le imprese. “Un costo che troppo spesso le aziende non sono disposte a pagare: risparmiano, e mettono a rischio la vita dei lavoratori”, scrive la nota di Fiom.
  Se si resta schiacciati da una putrella, qualcosa in fabbrica non va  

Solidarietà è stata espressa da tutto il sindacato alla vittima dell'incidente sul lavoro di ieri: “Oggi alla Pbm, azienda metalmeccanica di Trezzo sull'Adda, é morto un giovane operaio - è scritto. Non conosciamo ancora le esatte dinamiche dell'incidente. Certo è che quando un carpentiere resta schiacciato sotto una putrella da centinaia di chili, c'é qualcosa che non funziona in fabbrica”.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morti bianche, serve più sicurezza: la Fiom-Cgil invita allo sciopero

MilanoToday è in caricamento