menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Piazza Gae Aulenti (foto Andrea Cherchi/Semplicemente Milano Fb)

Piazza Gae Aulenti (foto Andrea Cherchi/Semplicemente Milano Fb)

Milano rialza la testa, l'economia lombarda riprende (leggermente) quota: la situazione

La fiducia dei consumatori a giugno è cresciuta del 6%: ecco i dati di Assolombarda

Milano ha alzato la testa e l'economia lombarda sta riprendendo quota, ma si tratta di un recupero parziale. Dopo lo shock di marzo e aprile, in cui l'attività economica della Regione è crollata del 35% e del 45% su base annua, e la leggera risalita di maggio (-30%), a giugno l'economia mostra segnali di ripresa. È quanto emerge dall'aggiornamento del Booklet Economia di Assolombarda, pubblicato su Genio & Impresa, il web magazine dell'associazione. La fiducia delle famiglie, secondo i dati, cresce a giugno di 6 punti percentuali in Italia e di 5 nel Nord Ovest, riportandosi sui livelli di marzo. Si mantiene, però, alto il differenziale rispetto a inizio 2020, con un distacco di circa 10 punti.

Aumenta anche, seppur più lentamente, la fiducia delle imprese: benché il crollo record registrato a marzo non sia ancora recuperato, con l'indice del manifatturiero ha un gap di 19 punti in Italia e 23 nel Nord-Ovest, a giugno si registra una crescita in tutti i settori.

Cresce il traffico attorno a Milano

Positivi, ma ancora lontani dai numeri pre-Covid anche i dati legati alla mobilità: il traffico dei veicoli pesanti sulle tangenziali milanesi, indicativo dell'intensità degli scambi economici del territorio raggiunge il -8% a giugno, recuperando 20 punti percentuali rispetto all'inizio della fase 2 e 5 rispetto a fine maggio. Il traffico dei veicoli leggeri, si assesta invece al -22% su base annua, in decisa risalita rispetto al -48% toccato a metà maggio. Inoltre, il Comune di Milano fotografa un gap degli ingressi di autoveicoli in Area B (soprattutto pendolari) dell'11% tra il 15 e il 19 giugno rispetto a inizio anno. Anche gli spostamenti per motivi di lavoro, pur in aumento di 14 punti rispetto a metà maggio (-46%), restano in un quadro di consistente flessione: il bilancio alla fine del sesto mese dell'anno è di -32% in Lombardia rispetto a inizio 2020.

Preoccupano i dati sulle esportazioni

Se i numeri legati a fiducia e mobilità lasciano intravedere uno spiraglio, a preoccupare sono i dati sulle esportazioni. Secondo i dati di Assolombarda, in Lombardia le vendite all'estero sono diminuite del 13% a marzo, segnando perdite pari ad un valore di 1,5 miliardi di euro. La maggior parte delle province registra un crollo a due cifre e, considerata l'importanza che ricoprono nell'economia regionale, incidono particolarmente le contrazioni di Milano (-6,5% a marzo pari a -246 milioni di euro), Brescia (-17,7% per un valore di 261 milioni) e Bergamo (-17,5% pari a 251 milioni). Consistenti anche le flessioni relative alle province di Monza (-11%), Lodi (-7,2%) e Pavia (-8,5%).

Crescono i prestiti bancari

Inoltre il rapido peggioramento del quadro economico ha portato a un crescente bisogno nel breve termine di risorse finanziarie da parte delle imprese lombarde, con una crescita dei prestiti bancari a marzo dell'1,1% su base annua e ad aprile dell'1,4%. Aumentano soprattutto le erogazioni per le imprese più grandi (+1,6% a marzo per le realtà oltre 20 addetti) e, tra i settori, per manifattura (+3,4%) e servizi (+1,3%); calano, invece, i prestiti per le imprese con meno di 20 addetti (-1,9%).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento