Fratelli Milani, una storia milanese a trazione familiare

Una storia imprenditoriale nata e cresciuta all’ombra Madonnina, un intreccio di passione per i motori e rapporti familiari corso lungo la vita di tre generazioni

“Gli unici che potevano toccare i guanti e il casco del papà eravamo io e mio fratello anche se eravamo piccoli. Non li poteva toccare nessun altro alle gare”. È uno dei tanti ricordi riacciuffati nella memoria di Carlo Milani che da 51 anni insieme al fratello Fernando porta avanti l’azienda di famiglia, la F.lli Milani, una delle concessionarie più longeve della città di Milano, un’attività che ancora oggi viaggia a trazione familiare come amano dire loro. Ma proviamo a riavvolgere il nastro e a raccontare questa storia milanese.

Albino, Alfredo e Rossano Milani. I fratelli senza paura

Albino Milani ha scritto importanti pagine di storia del motociclismo italiano insieme ai suoi due fratelli Alfredo e Rossano. Li chiamavano “i tre fratelli senza paura” per via del coraggio con cui affrontavano le gare. Una passione, quella per i motori, tramutata da subito anche in un lavoro, nella migliore tradizione milanese. Il negozio di commercio e riparazione di motocicli nasce così a nel 1935, mentre il 1936 è l’anno in cui Albino conquista il titolo italiano della classe 350 a bordo di una Sertum. Sono gli anni che precedono la guerra, un conflitto che riesce solo a interrompere la scalata all’olimpo del motociclismo che proseguirà nell’immediato dopoguerra.

Albino Milani. Il record ancora imbattuto a Monza

Gli anni ’50 sono quelli della consacrazione internazionale di Albino a bordo della Gilera nel motomondiale classe 500 sidecar, fino al secondo posto iridato nel 1952, chiudendo negli anni successivi la carriera con due enormi soddisfazioni: la vittoria nell’ultima gara di motomondiale disputata nel 1957 all’età di 46 anni e il record – tutt’ora  imbattuto – sul giro in sidecar dell’anello di Monza nel 1958, lo stesso anno in cui le auto cominciano a fare capolino nella concessionaria di via Farini, periferia nord di Milano.

Officina meccanico auto lavoro artigiani-2

Nasce la F.lli Milani di Carlo e Fernando

A seguire il papà nelle sue peripezie in pista, lo abbiamo detto, ci sono fin da subito i figli Carlo e Fernando, che respirano il clima del box e aiutano Albino anche nella sua concessionaria. Questo rapporto così stretto fra il padre e i due ragazzi porta Albino a fare una scommessa su di loro lasciandogli fin da subito in mano l’azienda. L’1 gennaio 1969 nasce ufficialmente la F.lli Milani di Carlo e Fernando che rispettivamente a 23 e 25 anni possono mettersi al volante dell’azienda di famiglia, con l’attenta supervisione di chi sa bene cosa serva per arrivare in cima: disciplina e coraggio.

La terza generazione di Milani

La concessionaria guidata dai fratelli ha fin da subito come propria bussola la grande attenzione per i clienti e la voglia di scegliere brand automobilistici che si differenziassero: l’avventura di Carlo e Fernando è iniziativa con le NSU, poi passarono nel ’71 alle Peugeot, nel ’75 alla Renault e infine nel ’92 alla giapponese Suzuki, le stesse auto che trovate ancora oggi entrando nell’officina, che nel frattempo si è trasferita da via Farini all’attuale sede di Viale Ortles con un ormai storico showroom in Viale Papiniano. Nel 1989 nel frattempo fa l’esordio in azienda la terza generazione, cresciuta fra olio e pneumatici, pronta a raccogliere l’eredità sia in azienda che in pista, questa volta sulle quattro ruote. È Matteo Milani, che dopo aver iniziato dal sistemare i ricambi in magazzino è attualmente responsabile dell’Assistenza ai clienti, ad aver ricevuto in eredità la passione per la velocità, capace di togliersi tante soddisfazioni in questi anni in diversi campionati e in azienda, insieme alla cugina Elisabetta che troverete sempre pronta e disponibile.

Il cliente, uno di famiglia

Si respira immediatamente questa storia e quest’ambiente familiare entrando in viale Ortles. Se chiudete gli occhi potreste anche immaginarvi i piccoli Carlo e Fernando sistemare un cambio di una moto o Matteo che nemmeno arriva ai pedali seduto su una macchina con il volante in mano che sogna di fare imprese in pista. Se li riaprirete potreste anche scorgere un sorriso che sbuca da sotto il casco di nonno Albino, che dai poster delle sue imprese appesi alle pareti continua a controllare orgoglioso che tutto proceda secondo i suoi insegnamenti. Le cose evidentemente cambiano, nessuno può rimanere uguale a sé stesso e anche la famiglia Milani ha saputo innovare e cambiare, restando però sempre fedele alle proprie origini. Provate a chiedere a Edoardo, quarta generazione di Milani che passa in officina, mentre sta sistemando gli pneumatici invernali sulle auto dei clienti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Milano, spacca vetrata all'Esselunga e cerca di rubare i soldi dalle casse: preso

  • Incendio a Cologno, fiamme ed esplosioni nel condominio: casa distrutta, palazzo evacuato

  • Bresso (Milano), due agenti della polizia locale accoltellati: uno è grave

  • Coronavirus, dal 27 novembre la Lombardia vuole diventare zona arancione. Cosa cambia

  • Violenza sessuale a Milano, ragazza stuprata dal cugino del padre: "Se parli ti taglio la testa"

Torna su
MilanoToday è in caricamento