rotate-mobile
Economia

Stranieri, uno su quattro in Italia decide di vivere in Lombardia

Studio della Caritas ambrosiana: ormai sono un quinto della popolazione (17%): si adattano a ogni lavoro (l'occupazione, nonostante la crisi, è stabile) e creano imprese

La regione più multietnica d'Italia? E' la Lombardia. All'ombra della Madonnina, infatti, sceglie di vivere uno straniero su quattro. Circa un milione di persone. 

Ormai, a Milano, gli stranieri sono un quinto della popolazione, il 17,7%, contro il 16,4% del 2010. 

Sono questi i dati del "Dossier statistico immigrazione 2012" presentato al San Federe dalla Caritas ambrosiana martedì 30 ottobre. 

Gli immigrati in Lombardia mantengono stabile la percentuale di occupazione al 16% (mentre cala quella della regione), segno che hanno una maggiore flessibilità e capacità di adattamento. Continuano a creare imprese, passate in sei anni da 28mila a oltre 56mila, e inviano soldi nel proprio paese d'origine tanto quanto nel 2010, circa 1,6miliardi in un anno.

"L'Italia è una scelta di stabilità - riporta il Giorno -: infatti l'80% degli stranieri coniugati in Lombardia vive ormai con il partner e a Milano il numero di famiglie straniere supera quello degli immigrati singoli: una famiglia su 5 in città ha almeno un componente straniero. A scegliere la Lombardia e in particolare Milano sono soprattutto persone provenienti dalle Filippine (15,6%), dall'Egitto (13,5%) e dalla Cina (8,8%) ma a registrare un forte aumento di presenze nell'ultimo anno, anche i peruviani (+1983) e gli ucraini (+1185). Dal 2009, inoltre, le donne sono più numerose degli uomini, a Milano di circa 2mila unità.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stranieri, uno su quattro in Italia decide di vivere in Lombardia

MilanoToday è in caricamento