Sequestrato il centro commerciale di San Giuliano: "Tangenti per costruirlo"

Indagato l'ex sindaco del Comune dell'hinterland sud-est

Il centro commerciale

E' stato sequestrato il centro commerciale di San Giuliano Milanese, con il cinema multisala, per presunte tangenti e l'ex sindaco Marco Toni, l'ex vice sindaco Cristian Stefanoni e l'ex capo ufficio tecnico del Comune, Roberto Corradi, sono stati indagati per corruzione. E' il risultato dell'operazione "Easy Game" della guardia di finanza di Lodi. 

Secondo l'accusa, i politici sangiulianesi avrebbero concesso alla società Milpar il permesso di costruire il centro commerciale omettendo di far depositare le polizzze delle fidejussioni e, successivamente, facendone depositare di false. In cambio avrebbero ottenuto in tuto quasi 300 mila euro di tangenti sotto forma di consulenze e altro. Il centro commerciale è stato costruito sulla base di un intervento di riqualificazione nell'area cosiddetta "ex albergo" e prevedeva anche un complesso alberghiero-residenziale, una stazione ferroviaria e altre opere di urbanizzazione che, scrive la finanza in una nota, di fatto non sono state realizzate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'indagine punta anche a fare emergere un sistema di fatture false e cessioni simulate per oltre 140 milioni di euro, con indebiti vantaggi d'imposta che di fatto sarebbero stati "reimpiegati" per la costruzione del centro commerciale. Tra le attività illecite, in un caso è stato creato un credito Iva fittizio per il quale la società proprietaria del centro commerciale ha ricevuto, nel 2015, 7 milioni di euro dall'Agenzia Entrate.

Il centro commerciale e il cinema (80 negozi e 1.200 dipendenti) non chiuderanno: il tribunale di Lodi nominerà un custode giudiziario. Il valore complessivo del sequestro è di circa 17 milioni di euro e comprende anche appartamenti e beni di proprietà degli indagati. A uno dei tre imprenditori è stata sequestrata una cassetta di sicurezza con orologi di marca, diamanti e un lingotto d'oro.

Movie Planet: "Totalmente estranei, rimaniamo aperti"

"A fronte dei fatti occorsi di recente alla proprietà del Centro Commerciale San Giuliano, con la presente comunicazione Movie Planet desidera informare la propria clientela circa la sua totale estraneità alla vicenda e che, sino a questo momento, non ha avuto alcuna informazione di interruzione della propria attività. La multisala è regolarmente aperta. Se dovessero esserci comunicate variazioni, sarà nostra cura darne tempestiva notizia tramite il nostro sito internet e a mezzo del profilo Movie Planet sui social network", scrive in una nota il multisala presente nel centro commerciale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'allarme dei medici di Milano: "Prepararsi a stagione influenzale o sarà crisi"

  • Milano, folle abbandona la mamma sull'A7, poi picchia un tranviere e si mette a guidare il tram

  • Accoltellato sull'autobus a Milano, 23enne gravissimo in ospedale

  • Follia alla Darsena: due ragazzi gettano in acqua un venditore di rose e poi scappano

  • Coronavirus, nuovo decreto su mascherine, discoteche e voli: che cosa (non) cambia dal 14 luglio

  • Milano, niente più mascherina all'aperto se si rispetta la distanza di sicurezza

Torna su
MilanoToday è in caricamento