Economia

AirBnb riscuoterà online tassa di soggiorno a Milano: 1,5 milioni di introiti

Lo ha annunciato il sindaco Beppe Sala

A Milano Airbnb, portale internazionale di affitti case, riscuoterà direttamente online la tassa di soggiorno per conto del Comune. Il sindaco Giuseppe Sala, nelle scorse ore, a margine del convegno dei giovani di Confindustria a Rapallo, ha spiegato che si tratta di "una cosa che avverrà anche a Milano, ci mancano un paio di settimane di lavoro, prevedo un annuncio simile a inizio mese".

Secondo le proiezioni degli albergatori di Atr, l'associazione di categoria che fa capo a Confesercenti - e che a Airbnb fa la guerra - sul piatto ci sono 1,5 milioni di euro che Milano potrebbe incassare dalla tassa di soggiorno. Ed era stata Federalberghi invece a contare in città 13.200 "strutture turistiche abusive", 6mila delle quali gestite da donne (secondo un rapporto firmato Airbnb).

Per Sala "l'idea è di aggiungere anche altre iniziative. Un'iniziativa intelligente che stanno facendo e voglio rilanciare è quella di ospitare gratuitamente i parenti dei malati degli ospedali milanese, Airbnb deve dimostrare di avere voglia di fare anche queste cose". A Genova, il gigante della sharing economy si è impegnato ad applicare, riscuotere e versare la tassa di soggiorno per conto dei propri host a partire dal primo agosto.

Ad aprile (con la Design Week) Milano ha registrato lo sbarco di 531mila turisti che si sono fermati per almeno una notte: sono quasi il 14% in più di arrivi rispetto allo stesso periodo di un anno fa. La stessa percentuale di incremento complessivo (il 14,2) nei primi quattro mesi del 2017.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

AirBnb riscuoterà online tassa di soggiorno a Milano: 1,5 milioni di introiti

MilanoToday è in caricamento