rotate-mobile
Economia Porta Volta / Corso Garibaldi

La catena di sushi Temakinho è stata venduta, ora è tedesca

La società milanese che ha portato nel capoluogo la moda del cibo nippo-brasiliano è stata ceduta

Cigierre, la società friulana conosciuta per la catena di ristoranti a marchio Old Wild West, ha deciso di abbandonare la catena milanese Temakinho, finita in forti difficoltà negli ultimi anni caratterizzati da grosse perdite di bilancio. Ad acquistare i ristoranti che una decina di anni fa hanno portato nel capoluogo lombardo la moda del cibo nippo-brasiliano è stato un investitore finanziario tedesco, il fondo di private equity Mutares. Che ha quartier generale a Monaco di Baviera e uffici in molte città europee tra le quali la stessa Milano.

Mutares è un fondo specializzato in ristrutturazioni e rilancio di società, e grazie a questa specializzazione proverà a risollevare le sorti della catena fondata da Federico Marconi, Linda Maroli e Santo Bellistri, che hanno poi abbandonato l’azienda dopo aver venduto a Cigierre, anch’essa di proprietà di un investitore finanziario. E’ infatti di proprietà dei fondi inglesi Bc Partners. Non è stato reso noto il prezzo di cessione.

Sotto la guida di Cigierre, Temakinho ha provato a espandersi con decisione fuori dal capoluogo lombardo ma una parte dei negozi è stata poi chiusa sia in Italia sia all’estero dove la fortuna non è stata generosa. E nel 2022 le perdite ante imposte sono esplose fino a 15,8 milioni di euro (12 milioni le perdite nette) su 22 milioni di euro di giro d’affari complessivo. Anche il 2021 la società aveva chiuso in rosso, e l’accumularsi di performance negative ha reso difficoltoso il rilancio della società. Tanto più che la stessa Cigierre sta faticando essa stessa.

Attualmente la società ha 10 ristoranti gestiti direttamente in Italia - la gran parte a Milano - oltre a 4 in franchising, di cui uno a Lione. “Con l’acquisizione di Temakinho rafforziamo ulteriormente il nostro segmento Retail & Food con un marchio noto nel segmento del casual dining che offre esperienze esclusive a prezzi accessibili” ha commentato Robin Laik, amministratore delegato di Mutares. Sono molto fiducioso che potremo rafforzare la posizione di mercato di Temakinho e la brand awareness attraverso l’apertura di nuovi ristoranti”. La sfida è rinnovata.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La catena di sushi Temakinho è stata venduta, ora è tedesca

MilanoToday è in caricamento