Economia

"Siamo sempre in corsa per la sede del tribunale europeo dei brevetti", ha detto Sala

Il sindaco si è espresso sulla scelta (attesa nel 2021) per la sede che sostituirà quella di Londra dopo la Brexit

Il tribunale dei brevetti? Per il sindaco Beppe Sala, la città di Milano è sempre in corsa per avere una sede dopo che il Regno Unito è uscito dall'Unione Europea. Lo ha detto a margine dell'inaugurazione della "nuova" Loggia dei Mercanti giovedì pomeriggio. "Da quello che abbiamo saputo noi - ha affermato Sala - l'alternativa era l'Olanda. E' un tema di relazioni internazionali. Vorrei che decidessero oggi, perché in questo momento sento l'Italia e il nostro pressidente del consiglio forti a livello internazionale".

Tuttavia Sala ha aggiunto che, secondo lui, i tempi non saranno molto rapidi. Nel mese di settembre 2020 il governo italiano aveva indicato Milano quale candidata italiana per la terza sede centrale del tribunale europeo dei brevetti, assegnando invece a Torino la candidatura dell'istituto italiano d'intelligenza artificiale. Le due sedi possibili a Milano erano state individuate in via San Barnaba, dove ha già sede la divisione locale del tribunale, e l'area Mind (ex Expo).

La concorrenza: Olanda e Danimarca

Le altre due sedi europee sono a Parigi (divisione centrale) e Monaco di Baviera (divisione decentrata). Si attende la decisione sulla terza sede (la seconda decentrata) nel corso del 2021. Oltre all'Italia, vorrebbero la terza sede l'Olanda e la Danimarca. L'Olanda aveva già "strappato" a Milano la sede dell'Agenzia europea del farmaco, per sorteggio con Amsterdam.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Siamo sempre in corsa per la sede del tribunale europeo dei brevetti", ha detto Sala

MilanoToday è in caricamento