Economia

Turisti a Milano, nel 2013 è stato "boom"

Quasi 10 milioni i pernottamenti, quattro milioni e mezzo gli arrivi: cronaca di un anno eccezionale nonostante la tassa di soggiorno

Piazza Duomo (fine luglio 2013): boom di turisti

A Milano i turisti parlano straniero e vengono soprattutto dalla Russia, gli Stati Uniti e la Cina. Tempo di Bit 2014 (la Borsa del Turismo, inaugurata alla fiera di Rho) e tempo anche di dati e bilanci su un tema importante per l'economia nazionale, quello appunto del turismo.

La classifica delle provenienze: la fa da padrona la Russia con oltre 216 mila arrivi, poi quasi allo stesso livello gli statunitensi e i cinesi (185 mila), ma anche i francesi (184 mila). Tra gli italiani, a visitare Milano e la provincia sono soprattutto altri lombardi (più di un milione nel 2013) e poi i laziali (290 mila) e i veneti (187 mila).

In aumento nel 2013 in città gli arrivi (+4,55%) e il numero di pernottamenti per persona (+8,94%). La permanenza media è sempre poco superiore ai due giorni, come nell'anno precedente. A Milano città, gli arrivi sono stati quattro milioni e mezzo (4.522.650) e le presenze, cioè i pernottamenti, quasi 10 milioni (9.922.368). Il "boom" turistico si era notato soprattutto durante l'estate, quando Milano era inconsuetamente "piena". E questo nonostante sia stata introdotta la tassa di soggiorno.

Aumentano anche le strutture ricettive, soprattutto extra-alberghiere: un lusinghiero +20,49%, tra affittacamere e case vacanza, con 11 ostelli contro gli 8 del 2012. Quasi invariato il numero di alberghi: una nuova struttura a quattro stelle e tre nuove strutture a cinque stelle.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turisti a Milano, nel 2013 è stato "boom"

MilanoToday è in caricamento