rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Economia Corvetto / Via Sile

Milano, con un'operazione da 67 milioni di euro una parte del Comune trasloca in periferia

L'Amministrazione prevede di rendere gli spazi idonei al lavoro entro il mese di febbraio

È stato firmato il contratto di compravendita tra Palazzo Marino e la società Ecomisile srl dello stabile di via Sile 8, al Corvetto, dove saranno trasferiti parte degli uffici comunali. Un'operazione da 67 milioni di euro, finanziata grazie alla cessione degli attuali uffici, che saranno liberati col trasferimento dei circa mille dipendenti nei nuovi spazi.

Soddisfazione da parte dell'Amministrazione, che sta procedendo celermente verso la completa sistemazione degli spazi e che prevede di renderli idonei al lavoro entro il mese di febbraio. Nel mese di marzo invece è previsto il trasferimento di un primo scaglione di dipendenti.

“Con oggi - dichiara l’assessore al Demanio, Roberto Tasca - si entra nel vivo dell’importante operazione di trasferimento dei dipendenti comunali in una delle nuove sedi, che consentiranno una migliore qualità della vita lavorativa oltre che una riqualificazione importante di una zona periferica della città. C’è soddisfazione quando i progetti a lungo studiati diventano realtà. Ciò che era difficile solo immaginare ad inizio del nostro mandato si è trasformato in un fatto tangibile, grazie al lavoro della giunta e degli uffici che hanno accompagnato ogni passo di questa innovazione”.

Il complesso immobiliare di via Sile 8 è costituito da fabbricato principale di otto piani, adibiti ad uffici, con servizi ed accessori, archivi, sale riunioni, sportelli e terrazzi. Il piano interrato è riservato al parcheggio mentre sulla copertura insiste un impianto fotovoltaico con un cortile interno. Gli spazi sono stati adeguati per rispondere alle esigenze funzionali e organizzative nonché agli elevati standard di ecosostenibilità richiesti dall'Amministrazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Milano, con un'operazione da 67 milioni di euro una parte del Comune trasloca in periferia

MilanoToday è in caricamento