menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il comune di Milano vende i palazzi in centro e trasloca in periferia

Nella giornata di lunedì 29 marzo è stato inaugurato il nuovo building del comune in via Sile (zona Corvetto)

Gli uffici comunali traslocano in periferia. Nella giornata di lunedì 29 marzo è stata inaugurata la sede di via Sile (quartiere Corvetto) dove lavoreranno gli impiegati comunali che si occupano di Urbanistica, Mobilità, Transizione Ambientale, Politiche Sociali, Quartieri e Audit. Il fatto è stato reso noto da Palazzo Marino con una nota.

"Il Comune di Milano abbandona sedi storiche centrali, spesso poco funzionali, e va nei quartieri con i propri uffici — ha spiegato Sala —. Oggi abbiamo inaugurato la sede di via Sile, al Corvetto, dove lavoreranno un migliaio di colleghi delle direzioni Urbanistica, Mobilità, Transizione Ambientale, Politiche Sociali, Quartieri e Audit. A pochi minuti dalla metropolitana, con uffici nuovi e funzionali. E una pista di atletica di 300 metri sul tetto. La prossima sede ad aprire sarà quella di via Durando, alla Bovisa, che ospiterà 700 persone".

Il piano di razionalizzazioni degli uffici comunali

Insieme a via Sile 8, saranno via Principe Eugenio 53 e via Durando 38/A le future sedi comunali. L’operazione di razionalizzazione degli uffici verrà completata attraverso il bando di vendita delle ‘ex’ sedi, largo Treves 1, via Edolo 19, via San Tomaso 3 e l’unità immobiliare di via Pirelli 30. L’asta pubblica con incanto per la vendita dei quattro immobili comunali si terrà il prossimo 18 maggio.

Per il palazzo di largo Treves, di 4.366 mq di superficie, la base d’asta prevista è di 22,6 milioni di euro; per l’immobile di via Edolo, 2.270 mq, la base d’asta è di 3,8 milioni di euro. È invece di 21,8 milioni di euro la cifra di partenza per l’edificio di via San Tomaso 3 (3.361 mq) mentre si scende a 1,3 milioni di euro per la base d’asta del lotto di via Pirelli 30 (414 mq).

Il building di Via Sile: come è fatto

L’edificio ha una superficie di 28.800 mq (suddivisi in 7 piani fuori terra, uno interrato e uno a terrazza), di cui oltre 20mila destinati ad uffici. È stato riqualificato secondo criteri di ecosostenibilità ed efficienza energetica ed è dotato di spazi per il pubblico, locali per archivi, posti moto e biciclette, terrazze e una pista da running sul tetto. Il piano interrato è riservato al parcheggio mentre sulla copertura insiste un impianto fotovoltaico con un cortile interno; all’esterno 9.500 mq di verde.

Il palazzo è stato definitivamente acquisito a dicembre scorso, con la firma del rogito tra Palazzo Marino e la società Ecomisile srl, per un valore di 67 milioni di euro. Come previsto i lavori sono terminati nel mese di febbraio per iniziare con i traslochi di arredi e personale nel mese di marzo.

Nuovi uffici comunali ma non solo

Tanti gli interventi di riqualificazione dello spazio pubblico che saranno realizzati a scomputo oneri con l’obiettivo di rigenerare questo quadrante di città incrementandone vivibilità, connessioni di mobilità e verde.

Più spazi per ragazzi e bambini: un’ampia area alberata sarà realizzata all’interno del polo pubblico tra le vie Sile, Oglio e Mincio, tra la scuola media Lombardini, il polo Ferrara e il Circolo Arci, attrezzata tavoli da ping pong e canestro da basket; mentre lungo via Sile, all’incrocio con via Polesine, verrà realizzato un playground, caratterizzato da giochi per i più piccoli, aiuole e alberi.

Verrà rimossa la recinzione che delimita attualmente l’area di via Sile 8, con la realizzazione di nuove aree verdi e percorsi pavimentati che consentiranno la percorribilità pedonale all’interno dell’isolato. Una nuova configurazione è prevista anche per via Oglio, dove sarà eliminata la recinzione che delimita la piazza antistante la sede del Municipio 4, in modo da aprire alla comunità uno spazio attualmente di pertinenza dell’edificio. Verrà quindi rifatta la pavimentazione, con la posa di alberi e arredi, oltre al restringimento e rialzo della carreggiata, mantenendo i posti auto esistenti e garantendo la fruibilità del mercato settimanale.

Sostenibilità ambientale e sicurezza stradale saranno poi garantiti da marciapiedi più ampi, connessioni ciclabili, aiuole verdi e alberi. Verranno riqualificati i marciapiedi e le pavimentazioni lungo via Mincio, all’altezza dell’incrocio con via Oglio, con la posa di panchine, alberi e aiuole. L’incrocio tra via Oglio e corso Lodi prevede l’inserimento di due attraversamenti ciclabili adiacenti agli attraversamenti pedonali esistenti, mentre tra via Oglio e via Sile saranno allargati i marciapiedi e istituito un senso unico di marcia, consentendo così la regolamentazione della sosta. Marciapiedi più ampi previsti anche all’incrocio tra via Sile e via Polesine, con l’inserimento di una casa dell’acqua, e tra via Sile e via Gamboloita; mentre sarà tracciato un tratto ciclabile all’incrocio tra via Gamboloita e corso Lodi che viene riqualificata con un miglior tracciamento degli stalli di sosta, una nuova pavimentazione e nuove aiuole.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Cos'è la "certificazione verde" per uscire dalla Lombardia e come si ottiene

Coronavirus

Vaccini covid, il 22 aprile partono le prenotazioni per i 60-64enni

Attualità

Netflix ha ambientato una serie tv a Milano

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Elezioni comunali 2021

    Il nostalgismo

  • Porta Nuova

    In piazza Gae Aulenti è comparso un enorme caprone di legno

  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento