menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Reperorio

Reperorio

Coronavirus, Confcommercio Milano: rischio usura e infiltrazioni criminali per via della crisi

Il 7% degli imprenditori ha dichiarato di aver fatto in passato ricorso a prestiti usurai

 Durante il periodo di chiusura forzata per l’emergenza Covid-19 il 6% delle imprese commerciali, il 9% nella ristorazione, ha ricevuto proposte “irrituali” per rilevare l’attività con valori inferiori al prezzo di mercato. Il dato emerge dal sondaggio selettivo realizzato da Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza – dati elaborati dall’Ufficio Studi – sui potenziali rischi di infiltrazione della criminalità organizzata.

All’indagine, svolta dal 3 all’8 giugno, hanno risposto 311 imprese, per l’89% fino a 9 addetti, di alcuni settori specifici: intermediazione immobiliare, oreficerie, pubblici esercizi, agenzie di viaggio e servizi d’alloggio. Dalla ristorazione il maggior numero di risposte: 64%. Sempre durante il periodo di forzata chiusura per l’emergenza Covid-19, il 52% delle imprese ha potuto usufruire di dilazioni di pagamento da parte dei fornitori e il 45% ha corrisposto regolarmente il canone d’affitto. Ma oltre il 60% ha fatto ricorso al patrimonio aziendale o personale per affrontare il lockdown. Il 43% si è rivolto alle banche per negoziare un prestito, l’1% – il 3% nell’intermediazione immobiliare – si è invece rivolto a società finanziarie o altri soggetti.

Rischio usura

Quanto all’usura, l’1% risponde (2% nella ristorazione) di avervi fatto ricorso per reperire liquidità. Ma a preoccupare maggiormente è l’aumento della percentuale quando si ipotizza la possibilità di ricorrere a prestiti su canali illegali. Il 7% ha infatti dichiarato di aver fatto in passato ricorso a prestiti usurai, percentuale che sale al 10% nella ristorazione. E il 9% delle imprese non ha denunciato o non denuncerebbe gli usurai. Il 97% delle imprese, in ogni caso, coglierebbe l’opportunità di un supporto di Confcommercio nella segnalazione alle forze dell’ordine con la garanzia dell’anonimato della vittima di usura. Altro dato rilevante è quello dei danneggiamenti segnalato dal 4% delle imprese (5% nella ristorazione).

“La crisi generata dalla pandemia – afferma Mario Peserico, vicepresidente di Confcommercio Milano, Lodi, Monza e Brianza con competenza sui temi della legalità – si protrarrà nel tempo. Ed è concreto nei nostri territori il rischio di maggiori infiltrazioni del crimine organizzato soprattutto se le misure di sostegno previste non saranno erogate con rapidità. Dall’indagine, selettiva su alcuni settori, emergono segnali da tenere sotto controllo: dalla possibile intenzione di ricorrere all’usura a una percentuale sensibile di attività che hanno ricevuto offerte non trasparenti legate allo stato di bisogno. In linea con il nostro impegno e i servizi offerti sul territorio, sosteniamo le imprese e rafforziamo la collaborazione con le istituzioni”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona gialla: le faq aggiornate e le regole per capire cosa si può fare

Attualità

Un uomo è rimasto incastrato col pene nel peso di un bilanciere

Coronavirus

Lombardia zona gialla: cosa potrebbe riaprire dal 26 aprile

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Elezioni comunali 2021

    Il nostalgismo

  • Porta Nuova

    In piazza Gae Aulenti è comparso un enorme caprone di legno

  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento