Eventi

Al via l’11 ottobre a Milano il festival “Tenda di Abramo”

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MilanoToday

Dall'11 al 15 ottobre, laboratori, show cooking, intrattenimento, spettacoli e convegni sul cibo come elemento di accoglienza e convivialità tra popoli e religioni.

Da domenica 11 a giovedì 15 Ottobre 2015 si terrà a Milano La "Tenda di Abramo", festival promosso e organizzato dalla Comunità Ebraica di Milano quale contributo della Comunità stessa alle tematiche portate all'attenzione da Expo 2015.

Nel racconto biblico la Tenda di Abramo è sempre aperta a tutti i quattro punti cardinali. Questo per accogliere i viandanti come ospiti, condividendo con loro il cibo e la tavola. Immagine di pace e ospitalità, la Tenda di Abramo è quindi simbolo emblematico del concetto di accoglienza universale.

Il festival, quest'anno alla sua prima edizione, è dedicato proprio a raccontare e a stimolare, attraverso una riflessione attiva ed esperienziale sul cibo - simbolo di convivialità per eccellenza - i concetti di incontro, dialogo e accoglienza dell'"altro", chiunque egli sia, qualunque sia la sua provenienza sociale, territoriale, culturale o religiosa.

La "Tenda di Abramo" si articola in un ampio programma di eventi e manifestazioni - completamente gratuite e aperte solo su prenotazione - che descrivono e raccontano le riflessioni proprie della cultura ebraica sul rapporto dell'uomo con le risorse della terra e con il cibo, fra riti, prescrizioni, tradizioni alimentari, cura e benessere del corpo e spiritualità.

Nel segno dell'accoglienza collegata all'alimentazione, l'evento dà inoltre voce al contributo su questi temi di alcuni punti di vista cristiani e musulmani, creando così un confronto e un dialogo interreligioso e interculturale.

Cuore del festival sarà la Palazzina Appiani, elegante edificio ottocentesco che fa da ingresso all'Arena Civica. Qui per quattro giorni si alterneranno show cooking, spettacoli di intrattenimento, conferenze e convegni per informare, coinvolgere e sensibilizzare il pubblico riguardo all'importanza storica, filosofica e culturale del cibo e, in particolare, della kasherut, l'insieme dei dettami e dei comportamenti che, secondo la tradizione ebraica, regolano l'alimentazione. Attraverso questi incontri sarà possibile scoprire come tematiche più che mai attuali, quali l'alimentazione "km zero" e la necessità di preservare le risorse della terra, fossero già presenti nelle Scritture e in una cultura millenaria come quella ebraica.

Ogni giornata si articolerà su tre momenti. Di mattina si terranno attività didattiche a tema presso scuole e istituti milanesi. Il pomeriggio sarà dedicato a momenti di show cooking e intrattenimento con Alessio Algherini, executive chef del ristorante Alexander, food ambassador per Charity e noto volto televisivo.

Alla sera, infine, ulteriori momenti d'intrattenimento sotto il creativo estro culinario di chef come Heinz Beck, Davide Oldani e Franco Luise che combineranno la cucina ad arti come musica, recitazione e letteratura si alterneranno a conferenze e incontri su diversi aspetti dell'alimentazione. Si affronteranno, insieme a relatori come Claudia Sorlini, presidente Comitato Scientifico EXPO Milano 2015, tematiche quali i dilemmi etici posti dal vegetarianismo, il rapporto tra nutrimento e tecnologia e l'etica ambientale ebraica tra ancestralità storico religiosa e prospettiva contemporanea.

La cinque giorni di eventi si aprirà domenica 11 ottobre a Palazzo Clerici, storica residenza nel cuore di Milano. Qui, sotto una simbolica Tenda di Abramo, si incontreranno e si siederanno alla stessa tavola le massime Autorità cittadine rappresentanti le tre grandi religioni monoteistiche: il Rabbino Capo di Milano Alfonso Arbib, il Cardinale Angelo Scola, e Yahya Sergio Yahe Pallavicini, vice Presidente e Imam della Comunità Religiosa Islamica Italiana.

A segnare l'inizio di questo incontro tra le religioni, le tre Autorità interverranno a proposito del ruolo fortemente simbolico del pane nella storia delle religioni e nella cultura moderna. Verrà quindi offerto un banchetto Kasher e Halal dove, alla tavola di questa virtuale Tenda di Abramo, siederanno 150 ospiti, dei quali oltre i due terzi saranno persone bisognose, per ragioni diverse, in questo particolare momento storico. Gli ospiti potranno gustare un pasto con menù creato e preparato per l'occasione dallo chef stellato Heinz Beck, perché, come chiede la tradizione, "all'ospite porgo il meglio che posso offrire".

Le tre Autorità religiose interverranno poi nell'ambito di un convegno dal titolo "Accogliere: tra obbligo morale e possibilità", a proposito delle sfide che oggi le grandi migrazioni ci impongono.

"In un momento in cui l'accoglienza e l'ospitalità verso lo straniero fanno così discutere, questo nostro evento vuole porsi come modello di unione e condivisione attraverso un elemento comune e trasversale a tutte le culture, come è il cibo. Abbiamo voluto dare il nostro contributo ai temi dell'Expo coniugando l'alimentazione con l'immagine della Tenda di Abramo, luogo in cui chiunque rappresenti semplicemente qualcosa di altro da noi, possa unirsi, sentirsi accolto e condividere con noi lo stesso pane" ha commentato Davide Romano, Assessore alla Cultura della Comunità Ebraica.

Per prenotarsi, occorre registrarsi presso: www.eventbrite.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al via l’11 ottobre a Milano il festival “Tenda di Abramo”

MilanoToday è in caricamento