Eventi

140 studenti universitari pronti a pulire città studi dalle scritte Vandaliche

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MilanoToday

Negli ultimi 2 anni si osserva in Città Studi una maggior attenzione al fenomeno del graffitismo vandalico. Quello che era uno dei quartieri più imbrattati della nostra città sta mostrando una maggior cura dei muri sia privati sia di enti o universitari. Interessante è osservare la voglia di pulito di un numero crescente di palazzi privati e di edifici universitari come ad esempio la Facoltà di Veterinaria in via Celoria o di Scienze Geologiche in piazzale Gorini o la sede dell'Avis in via Bassini, che sfidano con la loro continua ripulitura i nuovi imbrattamenti, senza contare la recentissima pulizia dell'Istituto Nazionale dei Tumori. Le tipologie di scritte che da anni caratterizzano questo ambito territoriale sono di 2 tipi: a) Scritte di writer vandalici non solo legati a tale zona ma che arrivano da altri quartieri della città. b) Scritte politiche Ad oggi si osserva che l’area che più sta migliorando è quella posta tra via Ponzio, Via Celoria, verso Piazzale Gorini. Rimane invece molto imbrattata la zona da Piazzale Leonardo da Vinci verso Via Pacini e Piola Sicuramente via Pacini rimane la via più vandalizzata di Città Studi con il suo 92% di muri imbrattati. La percentuale di imbrattamento è nel complesso passata dal 88% del 2015 al 70% del 2018 in Città Studi ED ECCO CHE OLTRE 140 STUDENTI UNIVERSITARI DI DIVERSI ATENEI SI TROVERANNO SABATO 21 APRILE h 9.30-12.30 IN VIA GIUSEPPE COLOMBO 79 A PULIRE I MURI NEL CUORE DI CITTA' STUDI Un significativo evento di miglioramento di Milano da parte di cittadini volontari. L’intervento di contrasto al degrado e di cura del bene comune comporterà la rimozione di circa 900 scritte vandaliche su una superficie di oltre 650 mq. " L’obiettivo di questi eventi di clean-up" dichiara Fabiola Minoletti vice presidente del Coordinamento dei Comitati Milanesi "è creare degli esempi virtuosi, attraverso un’azione dal basso che s’ispira alla cultura del fare, e rendere i cittadini protagonisti nella lotta contro il degrado e rispettosi degli spazi condivisi". L'evento è interamente finanziato dal Rotary Milano Castello e Rotaract Club Milano Castello PHC, coordinato dal Comitato Abruzzi-Piccinni del Coordinamento dei Comitati Milanesi e Patrocinato dal Municipio 3

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

140 studenti universitari pronti a pulire città studi dalle scritte Vandaliche

MilanoToday è in caricamento