Mercoledì, 16 Giugno 2021
Eventi Duomo

"Visibili. inVisibili. reportage" in mostra a Milano dal 28 febbraio

“Visibili. inVisibili. reportage”: una selezione di scatti fotografici colti "strada facendo" a Milano, la mia Città. Città che i frettolosi abitanti sembrano conoscere poco. Città che i turisti vengono a scoprire, senza magari, “vedere”.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MilanoToday

Inaugurazione: venerdì 27 febbraio ore 17
c/o Ambrosianeum: via delle Ore, 3

"Guardare e non vedere (…). Solitamente indica una mancanza di comprensione, un''incapacità di cogliere il senso di qualcosa nel mondo intorno a noi" - Siri Hustvedt, Appunti sul vedere - in Vivere, pensare, guardare - Einaudi 2014

"Visibili. inVisibili. reportage": una selezione di scatti fotografici colti "strada facendo" a Milano, la mia Città, luogo che amo molto, al di là di tutto. Città che i frettolosi abitanti sembrano conoscere poco. Città che i turisti vengono a scoprire, senza magari, "vedere". Una visione di Milano attraverso scatti usuali/inusuali: "cartolina/non cartolina", un vissuto quotidiano, ma quotidianamente rimosso. Utilizzando una semplice macchina digitale, in automatico.

Ho selezionato scatti di architetture che conosciamo bene (Teatro alla Scala, Duomo, Galleria Vittorio Emanuele), ma viste con occhio particolare. Vie note, come Via Solferino, in cui in breve tempo l'orizzonte è cambiato: ora si staglia il sorprendente grattacielo UniCredit che dona fondali cangianti, in continua evoluzione al mutare delle luci del giorno e delle stagioni. Scatti dalle alture, dove una volta l'edificio più alto era il Duomo.

Luoghi sconosciuti che meriterebbero di essere scoperti, e "abitanti" delle strade che percorriamo e che sembrano invisibili al nostro sguardo. Come in ogni città che visito, da anni, fotografo gli HOMELESS che incontro. E anche Milano è disseminata di grovigli umani, sguardi smarriti che interpellano le nostre coscienze. Per questo ho aggiunto, provocatoriamente, il termine giornalistico "reportage. Ho poi chiesto a una piccola schiera di amici ricordi, pensieri, sogni e divagazioni, (in versi o in prosa) ispirati a questo stesso tema, anche se non direttamente attinenti alle fotografie.

Ne sono derivati….testi, che, come ognuno avrà modo di riscontrare ben illustrano Milano, rendendo il catalogo fotografico, qualcosa di assolutamente particolare.

Margherita Lazzati - 2015

Informazioni:
Segreteria Fondazione Culturale Ambrosianeum
Via delle Ore 3, Milano
02.86464053

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Visibili. inVisibili. reportage" in mostra a Milano dal 28 febbraio

MilanoToday è in caricamento