Eventi

Design Week, la proposta: "Gli oggetti d'arredo rimangano in città"

L'idea per rendere utili almeno alcuni degli oggetti di design

Che fine fanno gli oggetti d'arredo e di design che "invadono" la città di Milano durante la Design Week? Secondo alcuni, come il presidente della Triennale Stefano Boeri, sarebbe bello che le aziende, magari su invito del Comune di Milano, donassero almeno alcuni di questi oggetti alla collettività. 

La qual cosa non è comunque del tutto nuova. Per esempio, le panchine che si applicano ai new jersey verranno installate in piazza XXV Aprile, mentre i vasi donati da Rinascente sono stati collocati in vari giardini milanesi. A ricordarlo - riferisce il Corriere - è Cristina Tajani, assessore alle attività produttive del Comune di Milano. Si tratta pur sempre di piccoli e forse marginali esempi, mentre il discorso di Boeri è più generale.

Boeri fa un esempio suggestivo: una "raccolta" tematica di oggetti. Ad esempio, chiedere quelli che servirebbero a realizzare decine di spazi per il gioco nelle tante periferie cittadine. Una specie di donazione strutturale in funzione della restituzione alla città in forma materiale dei benefici che arrivano dalle esposizioni del Fuori Salone.

Tajani è disponibile ad accogliere questo genere di idee più corpose e ricorda che c'è un avviso pubblico destinato proprio a questo scopo, ed è quello che ha prodotto gli esempi già citati (i vasi, le panchine); ed è rivolto anche a operatori economici che partecipano ad altre manifestazioni, come la Fashion Week.

Intanto, i cavalli esposti all'Ippodromo per celebrare quello di Leonardo verranno temporaneamente spostati in altre zone della città.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Design Week, la proposta: "Gli oggetti d'arredo rimangano in città"

MilanoToday è in caricamento