L’arte è un bene comune. Sostieni casa degli artisti

Con questo slogan da oggi, venerdì 5 febbraio 2021, parte la prima campagna di crowdfunding di Casa degli Artisti sulla piattaforma web Produzioni dal Basso

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MilanoToday

A un anno esatto dall'inaugurazione - con un gesto pensato anche come celebrazione di questo compleanno - Casa degli Artisti lancia la sua prima campagna di raccolta fondi. Con il titolo “L’arte è un bene comune. Sostieni Casa degli Artisti”, la campagna sarà attiva da oggi, venerdì 5 febbraio 2021, su Produzioni dal Basso - prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. A poche settimane dal weekend inaugurale, l'emergenza sanitaria ha fatto sì che le attività non digitali di Casa degli Artisti siano state pressoché interamente sospese. Un silenzio feroce per un luogo di produzione culturale, fondato nel 1909 per sostenere l'attività artistica milanese e italiana e i suoi protagonisti, e che oggi rischia di non riuscire a riaprire le proprie porte. Casa degli Artisti, rinata dunque poco prima della proclamazione dell’emergenza, chiede oggi aiuto alla collettività per poter continuare a scrivere la propria storia, al servizio delle artiste e degli artisti, della comunità, della città e dei suoi abitanti. I primi a decidere di donare sono stati proprio le artiste e gli artisti, che sino ad ora sono passati dalla Casa e hanno interagito con essa: si tratta di Camilla Alberti, Sergio Breviario, Pietro Coletta, Michele Guido, Chiara Longo Rebecca Moccia, Luca Pozzi, Eleonora Roaro e Filippo Romano che hanno scelto di sostenere la Casa in prima persona, donando opere per supportare la campagna di crowdfunding. Grazie alla generosità di coloro che, ricordiamo, appartengono a una delle categorie più colpite dalle difficoltà del momento, tutti coloro che aderiranno alla campagna di crowdfunding con una erogazione liberale potranno scegliere, in base all'entità della donazione, di tenere memoria della propria generosità con un poster, un multiplo o un’opera d'artista in edizione limitata. “Sostenere questo progetto - commenta il team di lavoro di Casa degli Artisti - significa contribuire all'esistenza e alla vitalità di un bene comune della città, ricevuto in dono 110 anni fa. Sappiamo poco del nostro futuro, ma è certo che non si può volere una città senza luoghi per le arti e la cultura.” La campagna di crowdfunding resterà aperta per 45 giorni ed è stata studiata da Aragorn, società di consulenza e servizi per il terzo settore. Per dare un segnale della volontà di mantenere vivo uno spazio così importante e necessario, Casa degli Artisti sceglie di far coincidere il lancio della campagna con il ritorno delle artiste e degli artisti negli atelier per proseguire e finalmente terminare il lavoro interrotto un anno fa. 45 giorni di riattivazione, lavoro, ricerca. 45 giorni che saranno affiancati da una campagna programmazione e di comunicazione online, grazie anche all’endorsement di artisti e di personaggi della cultura. Dall’8 febbraio fino a fine marzo riprenderanno il loro posto Camilla Alberti, Ekin Bozkurt, Sergio Breviario, Chiara Campare, Michele Guido, Chiara Longo Rebecca Moccia, Giulia Oglialoro, Luca Pozzi, Eleonora Roaro, Riccardo Tabilio, Francesco Venturi. Nello stesso periodo la Casa ospiterà anche il lavoro di due ospiti speciali: Cesare Picco e Taketo Goharaper la realizzazione del loro nuovo disco che prosegue il lavoro di sperimentazione musicale avviato dal duo artistico da oltre 10 anni. Casa degli Artisti si farà anche luogo di registrazione di live show musicali e performativi, di talk e presentazioni di progetti futuri. Un segno, condiviso e sostenuto dalle tante persone che ci stanno affiancando, della necessità di mantenere vivo un luogo e di ridare respiro e vita all’arte e alla cultura. Per maggiori informazioni: https://www.produzionidalbasso.com/project/l-arte-e-un-bene-comune-sostieni-casa-degli-artisti/

Torna su
MilanoToday è in caricamento