Brigata lena-modotti: oltre 11.000 famiglie in condizioni di fragilità raggiunte con aiuti alimentari e beni di prima necessità

Oltre 10.500 pacchi con beni di prima necessità distribuiti a famiglie bisognoseCirca 700 spese di cibo e medicinali per anziani e chi non può uscire di casa anche insieme a Croce d’Oro Milano OnlusPiù di 5.000 pasti caldi ai senzatetto in collaborazione con Croce Rossa Italiana - Comitato di Milano e a Rob de Matt94 volontari connessi al centralino 0240705564 tutti i giorni 10.00/13.00 e 15.00/17.00 per rispondere a circa 400 richieste di aiuto al giorno90 collette solidali attivate nei condomini e nei supermercatiQuasi 40.000 euro raccolti su Gofundme al link shorturl.at/kpDJS

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MilanoToday

Sono più di 11.000 le famiglie in situazioni di fragilità sociale o difficoltà economica raggiunte dalla Brigata Lena-Modotti attraverso la distribuzione di oltre 15.000 pacchi alimentari e beni di prima necessità e la realizzazione di circa 700 spese di alimentari e medicinali, anche insieme a Croce d’Oro Milano Onlus, per conto chi non può uscire di casa, a cui si aggiungono i 5.000 pasti caldi distribuiti ai senzatetto in collaborazione con Croce Rossa Italiana - Comitato di Milano e a Rob de Matt. Ha inoltre preso il via il progetto “Drago Verde” ogni giovedì sera che finora ha permesso di consegnare circa 100 pasti caldi e 60 kit igienici sempre a persone senzatetto. I beni necessari vengono raccolti grazie a 80 collette solidali attivate nei condomini e nei supermercati, alle donazioni delle aziende e ai quasi 40.000 gli euro raccolti su Gofundme al link shorturl.at/kpDJS. Tutte le donazioni sono raccolte in un magazzino dove i volontari si occupano di assemblare i pacchi solidali in base alla composizione del nucleo familiare in difficoltà (numero di adulti e bambini, età, sesso, etc). È stata inoltre avviata la distribuzione di circa 200 pacchi di libri e 20 computer ai bambini segnalati dall’Associazione del Sole Amici del Trotter per la didattica a distanza. Questi sono solo alcuni dei numeri dell’impegno solidale e inclusivo da parte di oltre 300 volontari under 40 della Brigata Lena-Modotti, nata su impulso del collettivo Lambretta, per contrastare l’emergenza sociale che il coronavirus ha provocato a Milano. E dall’esperienza di impegno collettivo e solidale di questi mesi, nascerà un’associazione per continuare a presidiare il territorio e a individuare e raggiungere le situazioni di fragilità sociale e difficoltà economica. Dalla Brigata Lena-Modotti fanno sapere che: “Nel momento dell’emergenza ci siamo organizzati rapidamente per raggiungere in modo tempestivo ed efficace le persone più bisognose. Anche grazie al lavoro fatto in questi due mesi, abbiamo strutturato un modus operandi che ci permette di individuare le situazioni di maggior disagio attraverso il centralino o le segnalazioni dei volontari, raccogliere le donazioni sempre molto generose di imprese e cittadini e comporre pacchi alimentari ad hoc in base alla composizione del nucleo familiare. Stiamo lavorando per far nascere un’associazione che prosegua e aumenti le iniziative avviate in questi mesi. Ora stiamo cercando uno spazio più ampio da adibire a magazzino per continuare a aiutare il numero sempre crescente di persone di difficoltà con il perdurare dell’emergenza sociale anche durante l’estate”. Al centralino arrivano infatti più di 400 richieste d’aiuto a giorno, come si può aiutare? donazioni-esercenti@cslambretta.org - per cittadini e aziende che vogliono dare un contributo, attivare una colletta alimentare nel condominio, donare cibo da distribuire ai bisognosi; volontari-lenamodotti@cslambretta.org - per chi vuole diventare volontario; shorturl.at/kpDJS - campagna su gofundme per chi vuole dare un sostegno attraverso una donazione; La Brigata opera all’interno della piattaforma Milano Aiuta, con il coordinamento di Emergency e Arci, ma si organizza in autonomia. - In primis è stato creato il centralino 0240705564 aperto tutti i giorni dalle 10.00/13.00 e dalle 15.00/17.00 con 94 di volontari connessi per rispondere ogni giorno alle circa 400 richieste di aiuto (circa 8000 i pacchi alimentari distribuiti) che giungono da tutta la città e smistare le richieste. - è stata coinvolta una rete di circa 300 volontari under quaranta, tutti formati telematicamente sulle prescrizioni igienico-sanitarie grazie alla consulenza di Emergency, che hanno deciso di mettere a disposizione il loro tempo per svolgere i diversi servizi nei confronti delle persone bisognose: dalla spesa per le persone anziane o ammalate che non possono uscire di casa, alla colletta alimentare fuori dai supermercati alla distribuzione di pacchi con beni di prima necessità per chi non può permettersi di pagare la spesa, consegna di kit igienico alimentari e pasti caldi a persone senzatetto; - è stata avviata un’iniziativa solidale di consegna di pacchi alimentari anche alle famiglie di abitazioni e condomini in condizione di disagio: una volta a settimana circa 130 pacchi in via Arquà, 100 in via Amadeo, 60 via Forlanini, 70 in via Transiti, 70 in via Esterle, 70 in via Iglesias, 100 in zona Palasharp alla comunità islamica, 37 comunità curda (circa 2.500 in totale); - in collaborazione di Croce Rossa Italiana - Comitato di Milano e a Rob de Matt (ristorante situato in zona Dergano) è stato attivato un servizio di distribuzione di circa 170 pasti caldi al giorno ai senzatetto che ha permesso di consegnarne finora più di 5.000; - sono state attivate 90 collette alimentari in 80 condomini e 10 supermercati e finora la generosità dei milanesi si è dimostrata notevole. Per chi volesse fare la spesa e donarla, basta chiamare il 0240705564 o scrivere a donazioni-esercenti@cslambretta.org in modo da venire a ritirarla. A questo si aggiungono le numerose donazioni di cibo da parte di aziende - insieme a Rugby Milano sono state distribuite 2.000 mascherine nelle case popolari di Dateo, via Palmanova e via Rizzoli con il supporto della Protezione Civile; Brigata Lena-Modotti La Brigata Lena-Modotti è un gruppo di oltre 300 ragazze e ragazzi volontari under 40 che sin dai primi momenti della crisi sanitaria hanno deciso impegnarsi per contrastare l’emergenza sociale devastante che ha colpito la città di Milano, lasciando senza stipendio e rete di sostegno moltissime persone. Ispirata all’esempio di due partigiane, Lena D’Ambrosio e Tina Modotti, in prima linea per un mondo migliore, più giusto e libero, la Brigata di solidarietà si occupa di rispondere ad alcune delle esigenze più urgenti che il lockdown ha provocato e aiutare le persone più fragili: dalla spesa per anziani o ammalati che non possono uscire di casa, alla colletta alimentare nei condomini e di fronte ai supermercati, alla distribuzione di pacchi con beni di prima necessità e mascherine per chi non può permettersi di pagare la spesa, alla consegna di kit igienico alimentari e pasti caldi ai senzatetto. Coordinata dal CSOA Lambretta, la Brigata Lena-Modotti collabora con numerose istruzioni e organizzazioni come la Croce Rossa Italiana - Comitato di Milano, Emergency, il Comune di Milano, il ristorante Rob de Matt, Rugby Milano e molti altri per amplificare l’impatto nei quartieri della città e raggiungere in modo capillare il maggior numero possibile di persone in condizioni di disagio.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento