Eventi Duomo

La chiesa copta si prepara per la settimana santa

La Chiesa Copta Ortodossa si prepara per la Settimana Santa, la settimana più sacra di tutto l’anno che inizia subito dopo la festa dell’entrata di Gesù Cristo a Gerusalemme.Sua Eminenza Anba Antonio, vescovo della Diocesi Copta Ortodossa di Milano e abate del monastero di Anba Shenuda, ha affermato che Cristo regnò sul mondo con il legno della croce. Anba Antonio invita i fedeli ad aprire i loro cuori affinché Cristo regni in noi. Il vescovo rassicura i fedeli dicendo: “La chiesa vi è sempre accanto. Preghiamo molto per voi. Il Signore Gesù ci dice sull’amore: ‘Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici’”.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MilanoToday

La Chiesa Copta Ortodossa si prepara per la Settimana Santa, la settimana più sacra di tutto l’anno che inizia subito dopo la festa dell’entrata di Gesù Cristo a Gerusalemme. Sua Eminenza Anba Antonio, vescovo della Diocesi Copta Ortodossa di Milano e abate del monastero di Anba Shenuda, ha affermato che Cristo regnò sul mondo con il legno della croce. Anba Antonio invita i fedeli ad aprire i loro cuori affinché Cristo regni in noi. Il vescovo rassicura i fedeli dicendo: “La chiesa vi è sempre accanto. Preghiamo molto per voi. Il Signore Gesù ci dice sull’amore: ‘Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici’”. TRADIZIONE DELLA CHIESA Durante la Settimana Santa la Chiesa rievoca l’intera Passione di Cristo. La celebrazione avviene entro i confini dell’edificio della chiesa, come i primi cristiani hanno fatto a Gerusalemme ogni anno in questa settimana. I primi cristiani erano soliti celebrare la Settimana Santa visitando e pregando in ogni luogo in cui si erano svolti originariamente gli eventi. Nei primi tempi il livello di ascetismo (digiuno, preghiera, metania, veglia) era al massimo. Si mangiavano solo pane e sale, astenendosi da qualsiasi cibo cotto o dolce. Si è ritenuto inappropriato mangiare qualsiasi cosa fosse dolce mentre si commemoravano le sofferenze del Signore. Inoltre, si cercavano di evitare le distrazioni culinarie e gli sfizi di gola. Sua Eminenza Anba Antonio Le donne non indossavano gioielli o trucco e dedicavano tutto il loro tempo all’adorazione e alla devozione. Anche la maggior parte dei cristiani si è astenuta dal cibo dal venerdì santo fino al servizio pasquale, trascorrendo l’intera settimana in chiesa. L’imperatore Teodosio, un re cristiano, ordinò una festa universale durante quel periodo, in modo che tutti coloro che lavoravano all’interno del governo o del settore privato delle imprese potessero riunirsi in preghiera e devozione come un’unica famiglia. La Chiesa primitiva celebrava la Pasqua una volta ogni 33 anni, in modo da richiamare il ciclo vitale di Cristo. Poiché molti sono morti senza mai celebrare questa festa, la Chiesa ha deciso di celebrarla una volta all’anno. Inizialmente, c’era qualche discrepanza temporale tra la Chiesa di Antiochia (che ha celebrato la Pasqua in corrispondenza della Pasqua ebraica, il 14 ° di Nissan, sebbene non fosse una Domenica) e le Chiese di Roma e Alessandria (che stabilirono che la Pasqua si festeggiasse la domenica successiva alla Pasqua ebraica). In seguito fu nel Concilio di Nicea che si risolse il problema fissando la data come facevano le chiese di Roma ed Alessandria. La nostra Chiesa, che Dio la benedica, ha stabilito il programma delle preghiere e delle letture che corrispondono al viaggio, agli insegnamenti e agli eventi che hanno portato alla crocifissione di Cristo. Gli inni, i sermoni e le meditazioni sono talmente espositivi che i catecumeni erano soliti apprendere l’intera storia di Cristo durante questa settimana. L’ALLESTIMENTO DELLA CHIESA Secondo la legge dell’Antico Testamento, l’offerta per il peccato doveva essere bruciata fuori dal campo in modo che questo non fosse contaminato dai peccati delle congregazioni (Levitico 4:12, 21). In modo simile, Cristo aveva portato via i peccati del mondo al di fuori di Gerusalemme. La Chiesa segue l’esempio dell’Antico Testamento e del sacrificio di Cristo celebrando tutte le preghiere della Pasqua al di fuori dell’altare. Nessuno entra nell’altare perché appartiene al Signore Gesù Cristo e le sofferenze; la crocifissione hanno avuto luogo al di fuori Gerusalemme. Come spiega San Paolo, usciamo dal campo: “Cerchiamo andate dunque a lui fuori dell’accampamento portando il suo biasimo “. (Ebrei 13:13). Non ci avviciniamo al santuario, poiché ricordiamo come la porta del cielo fu chiusa prima della crocifissione. Entriamo con Lui il Giovedì Santo, mentre commemoriamo l’Eucaristia. Quindi continuiamo il nostro cammino con Lui per il resto degli eventi che si svolgono a Gerusalemme. Altro fatto importante sono i veli neri che vengono posti pulpito, drappeggiati lungo le pareti e avvolti attorno alle colonne della chiesa. L’atmosfera si trasforma in quella di un intenso lutto, in modo che possiamo partecipare alle sofferenze del Signore. Come ha spiegato san Paolo: “Affinché io possa conoscerlo e il potere della sua risurrezione e del condivisione delle sue sofferenze”. (Filippesi 3:10) L’ultimo venerdì di Quaresima si tiene la funzione unzione generale degli infermi. Dopo una serie di preghiere sull’Olio Santo, il sacerdote unge la congregazione con l’olio per la guarigione delle loro malattie. Inoltre, dopo la Domenica delle Palme, c’è una funzione funebre generale. Ci sono solo due Divine Liturgie celebrate durante l’intera Settimana della Passione, una il Giovedì Santo e e l’altra il Sabato della Luce. L’INNO DEL PASKHA È stato detto che gli inni della Chiesa Copta Ortodossa siano tra i più antichi canti ecclesiastici cantati ancora oggi in tutto il mondo. Il servizio del rito è intervallato da una serie di inni di grande antichità e di stupefacente magnificenza. Le melodie lugubri ci riempiono di conforto e sollievo interiore. Conducono l’uomo alla serenità nella pace di Dio. LE ORE e LE LETTURE DEL VANGELO Questa è l’unica volta durante l’anno che non leggiamo dall’Agbia. Questo perché le sue preghiere abbracciano l’intera vita di Cristo (profezie, natività, crocifissione, risurrezione, ascensione, ecc.); ma durante la Settimana Santa ci concentriamo semplicemente sulla Passione di nostro Signore. La Didaché ha anche incaricato la lettura di tutti i libri della Bibbia, compresi l’Antico e il Nuovo Testamento. Poiché questo è diventato difficile a causa dell’occupazione dei cristiani con altre attività quotidiane, Papa Gabriele il 70 °, Papa di Alessandria, ha selezionato alcune delle profezie dell’Antico Testamento, dei Salmi e del Nuovo Testamento che commemoravano la passione del nostro Salvatore, che ha poi distribuito tra le ore giornaliere. Questo libro è stato poi riorganizzato e rivisitato da Anba Pietro, vescovo di Bahnasa. Il vescovo Pietro ha aggiunto alcuni dei sermoni e delle omelie dei primi Padri della Chiesa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La chiesa copta si prepara per la settimana santa

MilanoToday è in caricamento