"Ci scusiamo per il disagio", l'inchiesta sui disagi dei pendolari

"Sui marciapiedi dei binari restano almeno 200.000 pendolari che vorrebbero prendere il treno ma non lo fanno perché fa ritardo, è sovraffollato, devono stare al freddo o in piedi. E quindi si spostano in auto". A dirlo è il responsabile di Legambiente Dario Balotta, che definisce la domanda pendolare in Lombardia "feroce".

Partiremo da qui, giovedì 10 marzo per presentare, alle 18.30, il libro-inchiesta dei giornalisti Gerardo Adinolfi (Repubblica) e Stefano Taglione (Il Tirreno), Ci scusiamo per il disagio (Treni, pendolari e odissee tutte italiane), edito da Round Robin editrice. Alla Libreria Popolare di Milano, in via Alessandro Tadino 18, alle ore 18:30 interverranno, con gli autori, l'Assessore Regionale ai Trasporti Alessando Sorte, il responsabile di Legambiente Lombardia Dario Balotta, la rappresentante regionale dei pendolari Lucia Ruggieri. L'incontro organizzato in collaborazione con Legambiente Lombardia e Quellideltreno- Comitato pendolari bergamaschi.

Il libro è un viaggio-reportage dalla Sicilia al Piemonte sui treni regionali, Intercity e dell'Alta velocità per scoprire, e spiegare, l'origine di ritardi e disservizi. E perché l'Italia è sempre più un Paese a due velocità. Non solo per il divario di investimenti e performance fra treni ad alta velocità e regionali ma anche perché, come dimostrano le testimonianze dei viaggiatori e degli addetti ai lavori, spostarsi in treno al Sud non è semplice come farlo al Nord. Tra i debiti che negli anni le Regioni hanno contratto con le aziende di trasporto, come in Calabria e in Campania e i treni sempre più vecchi a rimetterci sono i 2,77 milioni di pendolari dei treni italiani che ogni giorno si spostano su carrozze vecchie, sovraffollate e in ritardo.

Adinolfi e Taglione hanno così viaggiato con i pendolari siciliani che per i 106 chilometri tra Ragusa e Siracusa impiegano più tempo che da Firenze a Milano con le Frecce o con gli Italo e, risalendo lo Stivale, hanno scoperto cosa non va sui treni di Calabria, Campania, Basilicata, Lazio, Marche, Toscana, Emilia-Romagna, Lombardia e Piemonte. A fine viaggio l'intervista esclusiva con un capotreno aggredito e accoltellato dopo aver chiesto il biglietto a un passeggero. A distanza di tempo, sui treni, lui che dovrebbe lavorarci, non riesce ancora a risalire.
 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Carlos cruz-diez. Colore come evento di spazi

    • Gratis
    • dal 8 ottobre 2019 al 21 gennaio 2020
    • Dep Art Gallery
  • Fondazione Feltrinelli, arriva una giornata di giochi e letture per bambine e bambini

    • 18 gennaio 2020
    • Fondazione Giangiacomo Feltrinelli
  • Rinasce dopo anni la Casa degli artisti: grande festa d'inaugurazione aperta a tutti

    • Gratis
    • 1 febbraio 2020
    • Casa degli artisti

I più visti

  • A Milano la maxi mostra dei Lego: intere città e mondi ricostruiti

    • dal 11 ottobre 2019 al 2 febbraio 2020
    • Museo della Permanente
  • A Palazzo Reale una mostra con opere di Picasso, Monet e Gauguin provenienti dal Guggenheim di New York

    • dal 17 ottobre 2019 al 1 marzo 2020
    • Palazzo Reale
  • 'Nikola Tesla Exhibition': a Milano arriva la mostra con spettacolari fulmini artificiali 'indoor'

    • dal 5 ottobre 2019 al 22 marzo 2020
    • Spazio Ventura XV
  • Il Giappone a Milano: a ottobre due mostre sul Sol Levante

    • dal 1 ottobre 2019 al 2 febbraio 2020
    • Mudec
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    MilanoToday è in caricamento