Martedì, 22 Giugno 2021
Eventi

Concerto di Jovanotti a San Siro: in migliaia ballano sotto le sue note

La recensione

Il concerto. Foto da Instagram (Ilariasonoio)

Lorenzo Jovanotti abbraccia San Siro e San Siro abbraccia Lorenzo. Migliaia di fan in delirio hanno cantato, ballato e sudato con le sue note. Alla soglia dei cinquanta, mezzo secolo per intenderci, il "ragazzo" di "Io penso positivo" riesce ancora a lasciare sul palco una carica energica fuori dal comune, come la passerella-fulmine lungo la quale ha più volte corso avanti e in dietro.

Giovedì sera è stata la prima delle serate al Meazza. La star "arrivata dal futuro" comincia proprio con "Io penso positivo". A quel punto ci pensa Fiorello a presentare ufficialmente il concerto. Poi è la volta di "Tutto acceso", durante la quale si rompe il microfono, ma la voce di Jova resta accesa uguale. Si prosegue con "L'alba", "Sabato" e altri brani della lunghissima scaletta. E il concerto si "trasforma" nel più grande spettacolo dopo il Big Bang con gli spettatori pronti far 'esplodere' lo stadio.

Arriva il tempo per i romantici, con le ballate più conosciute. E' da pelle d'oca "Fango", con una clip molto coinvolgente. C'è il tempo per vedere Lorenzo vestito con abiti giapponesi, prima di passare a "Le tasche piene di sassi", un altro dei suoi pezzi più apprezzati. Oltre ai brani del nuovo album, tantissimi, Jovanotti viaggia nella sua storia personale e rispolvera le sue grandi hit di sempre. E con lui "viaggiano" gli spettatori che in poche ore di live rivivono la storia delle loro emozioni accompagnati dalla sua voce.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Concerto di Jovanotti a San Siro: in migliaia ballano sotto le sue note

MilanoToday è in caricamento