Cultura piazza duomo

Mostra di Leonardo, dagli Uffizi non daranno l'Annunciazione

Gli Uffizi verso la negazione dell'opera. Invece dall'estero sono arrivati capolavori senza alcun problema

L'Annunciazione di Leonardo agli Uffizi

Non sarà una partenza col "piede sbagliato", quella della grande mostra su Leonardo da Vinci che verrà allestita a Palazzo Reale durante Expo, dal 15 aprile al 19 luglio 2015, ma un piccolo intoppo c'è. O meglio, una notevole resistenza da parte dei musei italiani a trasferire alcune opere. L'impasse è soprattutto sull'Annunciazione, opera conservata agli Uffizi che venne trasferita già nel 2007 in Giappone. Ma poi si decise di considerarla "inamovibile".

In realtà da Firenze non è arrivato un rifiuto esplicito, ma in due mesi è complicato spostare un'opera così importante. E' per questo che il sindaco di Milano Giuliano Pisapia, in prima persona, ha scritto al ministro dei beni culturali Dario Franceschini. Sperando che anche il presidente del consiglio Matteo Renzi (ex sindaco di Firenze) prenda a cuore il problema. Lo riporta il Corriere. E non è stato l'unico caso: problemi anche per l'Uomo vitruviano, conservato nelle Gallerie dell'Accademia a Venezia e trasferito a Milano soltanto grazie all'impegno di Ilaria Borletti Buitoni, milanese, sottosegretario ai beni culturali.

Tutt'altra storia per le opere di Leonardo che arrivano dall'estero. Solo una richiesta formale (con risposta rapida) per la Madonna Dreyfus della National Gallery di Washington, così come per le tre opere che provengono dal Louvre, la Belle Ferronière, San Giovanni Battista e l'Annunciazione che alcuni attribuiscono a Leonardo e altri a Lorenzo di Credi. Per non dire dei trenta disegni custoditi alla Royal Library di Windsor: la regina Elisabetta ha firmato l'autorizzazione senza problemi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mostra di Leonardo, dagli Uffizi non daranno l'Annunciazione

MilanoToday è in caricamento