Danza Butoh: a Milano martedì 11 novembre

Ricominciano gli appuntamenti anche con la danza e il teatro. Dopo i primi eventi spettacolo della "stagione", diretta da Federicapaola Capecchi, iniziata con la musica dal vivo e il jazz, ecco un primo particolare appuntamento con la Danza Butoh; seguirà, il 19 novembre lo spettacolo teatrale di Alessio Martinoli/Esperimento Deserto.

Martedì 11 novembre, alle ore 21, va in scena Hana no inochi (La vita del fiore) improvvisazione di danza Butoh con Atsushi Takenouchi e Kea Tonetti e la musica live di Hiroko Komiya e Tivitavi.

Trovare l'essenza della vita del fiore in te stesso, questo è Butoh. Zeami e Kan'ami, scrissero dell' essenza del fiore nel Kadensho, un trattato di Teatro Noh del 1400. Kazuo Ohno e Yoshito Ohno, cofondatori con Tatsumi Hijikata del Butoh, parlarono in profondità dello spirito del fiore diverse volte. Il fiore è Bellezza, ma al contempo caducità e fragilità, visto non come simbolo di esteriorità, ma come intuizione dell'esistenza di un mondo ineffabile, impossibile da definire, eppure reale. "Connettere la nostra vita con la vita del fiore. Siamo ancora sulla via. Abbracciare questo fiore, fino alla fine della nostra vita. Ancora ed ancora" Atsushi Takenouchi

Atsushi Takenouchi Ha fatto parte della compagnia di danza butoh "Hoppo-Butoh-ha", in Hokkaido dal 1980 al 1984. L'ultimo suo lavoro con la compagnia "Takazashiki" è stato coreografato dal fondatore del butoh, Tatsumi Hijikata. Dal 1986 ha iniziato a sviluppare il suo stile di danza butoh lo "Jinen Butoh". Jinen è la vita in ogni cosa, organica e non, lo "Jinen Butoh" è una forza che danza con il tutto. Crea e danza i soli "Tanagokoro", "Ginkan", "Itteri", come espressione della natura, della terra, dei tempi remoti, danzando le sue impressioni nell'istante presente, incontrando le persone e l'ambiente. Dal 1996 al 1999 per tre anni ha viaggiato in tutto il Giappone danzando in 600 luoghi, durante questo periodo iniziò a ispirarsi al butoh di Kazuo Ohno e Yoshito Ohno, connesso allo spirito universale. Dal 2002, ha fatto dell'Europa la sua base di lavoro, iniziando a lavorare con workshop, performance in solo e di gruppo: Polonia, Italia, Francia, Spagna, Olanda, Germania, Russia, Usa, Canada, Alaska, sono alcuni dei paesi che hanno ospitato il suo lavoro.

Kea Tonetti: si forma nella danza dal 1980, studiando in Italia a Parigi e a New York, ricerca seguendo vari coreografi del panorama contemporaneo tra cui Raffaella Giordano e Dominique Dupuy, nel butoh con: Atsushi Takenouchi (Jinen Butoh), Masaki Iwana (White Butoh), Ko Murobushi, Imre Thormann, Joan Laage, Yumiko Yoshioka e Motimaru Dance Company. Si forma nella Danza Sensibile® con Claude Coldy. Studia canto con Carola Caruso, metodo funzionale della voce. Con il M. Giò Fronti si forma nell'Hara Yoga. La sua ricerca nella via yogica tantrica e nello sciamanesimo, che vede in tutte le manifestazioni della vita, l'emanazione del divino, la porta a danzare in contatto con la natura e a ricercare nella dimensione inconscia dell'essere umano. Dal 1990 si esibisce in varie produzioni di teatro e di danza, nel 2009 fonda con Tivitavi la CompagniaKha che ha prodotto diverse performance in solo e con altri artisti tra i quali Monique Arnaud, maestra di Noh e Yuko Ota,. Si è esibita in festival e teatri in Italia, Germania, Budapest, Londra, Città del Messico e Russia. Le sue ultime performance: Yo soy Azul, Mothersea, Enthullt:The flower garden, Utsusemi, Wu, Shishigami.

Hiroko Komiya: Crea suoni da vari oggetti come acqua, pietre, ciotole tibetane, giocattoli e voce. La sua musica è concepita in modo tale da lasciar emergere il suono in modo naturale da ogni oggetto e strumento, come se respirassero e sussurrassero la loro propria vita. Accompagna dal 1999 le performace di danza Butoh di Atsushi Takenouchi.

Tivitavi (R.Papini): dal 1991 ha studiato con vari maestri dallo Yoga allo Sciamanesimo. Si occupa di guarigione con il suono armonico delle campane tibetane e della voce; ha sviluppato la sua ricerca seguendo vari maestri provenienti da differenti culture tra i quali: Djalu Gurruwiwi, Mari Boine, Saynko Namcylak, Albert Rabenstain. La sua musica unisce i suoni naturali con quelli elettronici, creando atmosfere di grande bellezza e mistero, riunendo l'armonia con il caos. Il suo ultimo lavoro, "Suono naturale" è stato pubblicato a Berlino nel 2013. Suona per Claude Coldy per i seminari di Danza Sensibile e collabora con Kea Tonetti nella realizzazione di performance e seminari di danza Butoh.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Mostra Frida Kahlo alla Fabbrica del Vapore: "Il caos dentro"

    • dal 10 ottobre 2020 al 2 maggio 2021
    • Fabbrica del Vapore
  • "Frida Kahlo - Il Caos dentro". A Milano una grande mostra dedicata all'artista messicana

    • dal 10 ottobre 2020 al 2 maggio 2021
    • Fabbrica del Vapore
  • Anche a Milano arrivano gli straordinari concerti di musica classica al lume di candela

    • dal 15 febbraio al 2 marzo 2021
  • Riapre la mostra Frida Kahlo - Il caos dentro

    • dal 2 febbraio 2021 al 5 maggio 2022
    • Fabbrica del Vapore
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    MilanoToday è in caricamento