Flash mob a Milano per le vittime di Aleppo

Tutti i cittadini sono invitati a partecipare, portando con sé in piazza un palloncino rosso o uno bianco

Piazza della Scala foto di Alessandro Businaro

Palloncini rossi e bianchi. E luci spente a Palazzo Marino e Piazza della Scala. E' così che venerdì 16 dicembre, Milano testimonierà la propria vicinanza alle vittime innocenti di Aleppo. 

"Non possiamo e non dobbiamo rimanere indifferenti di fronte a soprusi e violenza - ha spiegato Giuseppe Sala, prima della sua autosospensione - e per questo motivo, spegneremo le luci di Palazzo Marino e di Piazza della Scala. Attraverso questo gesto simbolico intendiamo dire in maniera chiara e decisa che anche Milano sta con Aleppo".

L'iniziativa #iostoconAleppo avrà inizio alle ore 17.30, con un flash mob in Piazza della Scala. Tutti i cittadini sono invitati a partecipare, portando con sé in piazza un palloncino rosso o uno bianco. I colori scelti hanno un importante valore simbolico: il palloncino rosso ricorda quello del celebre murales che lo street writer Banksy ha dedicato alla causa di Aleppo; quello bianco rappresenta l'innocenza violata e le vite spezzate dalla guerra.

Alle ore 18, i palloncini saranno lasciati volare, mentre Palazzo Marino e Piazza della Scala spegneranno simbolicamente le luci per 3 minuti.

"La nostra città - ha aggiunto Sala - è e sarà sempre vicina a tutti i famigliari e a tutte le vittime di questa e delle altre guerre che ogni giorno distruggono le vite delle persone e interi Paesi. Mi auguro che tanti milanesi domani vengano in piazza della Scala con un palloncino bianco e uno rosso, che sono anche i colori della nostra città, per dire tutti insieme con forza: #iostoconAleppo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'appuntamento è organizzato con "Noi stiamo con la sposa", un gruppo di uomini e donne, cittadini italiani e stranieri, che nei mesi scorsi hanno realizzato il flash mob “Io sto con la sposa”, per denunciare la drammatica crisi umanitaria che incombe sulla città di Aleppo dove semplici cittadini - soprattutto donne e bambini -, dopo mesi di incessanti bombardamenti, sono esposti al rischio di violenze, torture e uccisioni indiscriminate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, il locale che regala chupiti alle donne che mostrano il seno: esplode la polemica

  • La provocazione di Cracco in Galleria (Milano): ai suoi clienti solo mezza pizza

  • L'anziana che ha "truffato" i truffatori: così una 87enne ha fatto arrestare la "nipote" a Milano

  • Trovato morto a 47 anni Alessandro Catone, il "Porco schifo" di YouTube

  • Incidente a Milano, terribile schianto in pieno centro: gravissimo un ragazzo

  • Il maltempo fa paura: "Forti temporali in arrivo, fino a 150mm di acqua in 6 ore" (Poi la grandine)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento