menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una passata edizione del Milano Pride

Una passata edizione del Milano Pride

Milano Parade: in piazzale Oberdan apre la Pride square

Tutto pronto per la parata di sabato 29 giugno 2013

Nel pieno della "Pride Week", giovedì 27 giugno aprirà in piazzale Oberdan la "pride square", con stand informativi e spazi per intrattenimento e dibattiti in preparazione alla grande manifestazione di sabato 29 giugno.

La Milano Pride Week nasce da un progetto proposto dalla commissione Pride del CIG Arcigay Milano alle associazione LGBT del Coordinamento Arcocobaleno, comitato organizzatore del Pride di Milano. A partire da giovedì Piazza Oberdan si trasformerà nel crocevia della Milano Pride week. Uno spazio per il ritrovo e l'intrattenimento realizzato grazie al contributo del Gruppo Fernet con un ampio gazebo che fungerà da infopoint e sarà cornice per molti eventi organizzati dalle associazioni e dai gruppi giovanili di Milano.

Sabato 29 il concentramento per il corteo inizierà in Piazza Duca d'Aosta alle ore 16. La partenza fissata per le ore 16.30 vedrà in testa del corteo l'unico veicolo a motore. La parata dei diritti si snoderà per le vie Vitruvio, Settembrini, Doria e lungo tutto corso Buenos Aires. Dopo l'incrocio con viale Tunisia la manifestazione diverrà stanziale, grazie agli allestimenti realizzati da alcuni club e fino alle ore 20.30 sarà possibile ascoltare gli interventi delle autorità invitate aderenti all'iniziativa e che hanno concesso il patrocinio, le associazioni organizzatrici e partner intervallate da esibizioni di artisti e performer che hanno dato la propria disponibilità.

Marco Mori, presidente Arcigay Milano dichiara: "Amministrazioni pubbliche, sindacati, rappresentanze nazionali in Italia, associazioni di commercianti e professionisti, più di 70 esercizi commerciali della zona di Porta Venezia hanno dato fiducia a questa edizione del pride che nasce dal progetto di candidare la nostra città all'Europride del 2015 (assegnato però a Riga). Con una forte vicinanza alla situazione bielorussa, quello di quest'anno è il primo passo verso un pride del 2015 che guardi all'Expo e alla possibilità di realizzare sempre di più una città aperta, accogliente e rispettosa di tutte le identità e cittadinanze. Nel giorno in cui gli USA aprono definitivamente alla parità, il pride è ancora di più un occasione di rivendicazione pacifica, colorata e festosa per dire che ce la faremo, e come recita lo slogan della manifestazione, anche in Italia è giunto il momento di passare 'dalle parole ai diritti'."

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento