5 novembre, mettere i giovani contro i senzatetto: la guerra dei poveri

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MilanoToday

Leggiamo sul quotidiano La Repubblica l'articolo "Feste techno in viale Toscana - Ci ha mandato qui il

Comune".
L'articolo è una ricostruzione distorta delle attività di Social Art Center che si stanno svolgendo nell'edificio
dismesso di viale Toscana 31.
Nell'articolo sembra di poter leggere che un gruppo di giovani impedisca l'uso di uno stabile dismesso
destinato a emergenza sociale per farne invece luogo di feste.
I fatti sono molto diversi da come si deduce da La Repubblica e pensiamo che questo articolo sia solo frutto
di una "incomprensione".
Il nostro gruppo di lavoro nasce nell'ex-Ansaldo, seguendone vicende lunghe e tortuose; Social Art Center
raggruppa 8 associazioni formate da 60 ragazzi che lavoravano da due anni all'Ansaldo, poi diventato OCA e
che ora stanno lavorando nell'ex concessionario di viale Toscana 31, purtroppo senza aver trovato ancora
l'accordo con il Comune.
Le iniziative che Social Art Center propone alla città includono: dai laboratori di sartoria, pelletteria e
falegnameria ai gruppi di danza e musicoterapia, dalle arti digitali alle rassegne cinematografiche, dalle
attività pedagogiche per bambini agli eventi di musica elettronica, classica, hip hop e jazz.


IL PIANO EMERGENZA FREDDO: I RAGAZZI SI RENDONO SUBITO DISPONIBILI


Ieri, per la prima volta, l'assessore Majorino ha comunicato che l'immobile verrà utilizzato come centro
accoglienza per i senza tetto per tutto il periodo invernale.
Immediatamente i ragazzi si sono resi disponibili per l'allestimento dell'area e per coordinare l'uscita dallo
spazio.
Abbiamo però tre domande per l'assessore Majorino:
1) da quando questo edificio è stato inserito nel "piano emergenza freddo" ?
2) questo spazio è senza corrente elettrica, senza riscaldamento, senza servizi igienici e ci sono infiltrazioni
di pioggia dal tetto; al momento stiamo facendo fronte a queste criticità con investimenti, mano d'opera e
vigilanza continua.
Inoltre lo spazio è completamente vetrato, come potete trasformarlo in dormitorio? Perchè non utilizzare lo
spazio Ansaldo dove riscaldamento, corrente elettrica e servizi igienici sono puliti e pronti per essere
utilizzati ?
3) abbiamo provveduto allo spurgo della fossa biologica che versava in condizioni catastrofiche e alle pulizie
generali interne ed esterne, abbiamo installato e messo a disposizione del quartiere dei bagni chimici, ora
utilizzati da moltissimi senzatetto e stiamo lavorando per rendere questa struttura utile alla città.
Abbiamo già stretto rapporti con i senzatetto che vivono nel quartiere e anche con il personale dell'Opera
Pia di viale Toscana 28, non pensate che potremmo essere una risorsa?


Il "gioco dell'oca" continua..
contatto stampa: Alessandra - 333.72.62.445
coordinatore social art center: Tommaso - 329.67.37.627
Facebook di riferimento: Club 2.0 Social Art Center

Torna su
MilanoToday è in caricamento