“Il mondo di Leonardo” festeggia i suoi cinque anni rinnovando i contenuti: sabato 3 marzo ingresso a 1 euro per tutti

La mostra Leonardo3 - Il Mondo di Leonardo in Piazza della Scala (ingresso Galleria Vittorio Emanuele II) a Milano, festeggia oggi cinque anni d'apertura al pubblico e presenta diverse novità in anteprima mondiale: l’esperienza interattiva dedicata alle Teste grottesche, i modelli fisici delle fasi della fusione del Monumento equestre Sforza, la Mitragliatrice Rotosferica, l’“Ocelo da comedia” e la Tromba gigante perfettamente funzionante. Per celebrare i cinque anni d’apertura Leonardo3 ha deciso inoltre di aprire l’esposizione a solo 1 euro a persona (invece di 12 euro) per tutta la giornata di sabato 3 marzo (dalle 9:30 alle 22:30).

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MilanoToday

La mostra Leonardo3 - Il Mondo di Leonardo in Piazza della Scala (ingresso Galleria Vittorio Emanuele II) a Milano, festeggia oggi cinque anni d'apertura al pubblico e presenta diverse novità in anteprima mondiale: l’esperienza interattiva dedicata alle Teste grottesche, i modelli fisici delle fasi della fusione del Monumento equestre Sforza, la Mitragliatrice Rotosferica, l’“Ocelo da comedia” e la Tromba gigante perfettamente funzionante. Per celebrare i cinque anni d’apertura Leonardo3 ha deciso inoltre di aprire l’esposizione a solo 1 euro a persona (invece di 12 euro) per tutta la giornata di sabato 3 marzo (dalle 9:30 alle 22:30). Il traguardo raggiunto, oltre 700 mila biglietti staccati e il continuo lavoro di ricerca svolto dal centro Studi Leonardo3 – attivo dal 2004 nello studio e nella divulgazione scientifica dell’opera di Leonardo da Vinci – dimostrano la validità e il grande interesse di pubblico nei confronti dell’offerta culturale dell’esposizione dedicata al Grande Genio che aspira a diventare un vero e proprio museo, affacciato proprio su Piazza della Scala dove campeggia dal 1872 il monumento a Leonardo. Dal 1 marzo 2013 l’esposizione dedicata a Leonardo da Vinci, inventore e artista, ha visto crescere continuamente l’interesse del pubblico, facendo segnare un incremento degli ingressi del 10% nel 2017 rispetto all’anno precedente e toccando un picco massimo di 3.118 visitatori in un solo giorno. Nell’odierna conferenza stampa l’Assessore alla Cultura Filippo Del Corno non ha fatto mancare l’appoggio della giunta e dell’assessorato nei confronti dell’innovativa proposta culturale patrocinata dal Comune di Milano. La conferenza stampa è stata anche occasione per ripercorrere i traguardi raggiunti dalla mostra nei suoi primi cinque anni d’apertura e, a tal proposito, Massimiliano Lisa, presidente di Leonardo3, ha dichiarato: “Siamo felici di poter celebrare il nostro quinto anniversario. Lo facciamo forti di risultati di pubblico di tutto rispetto: un totale di oltre 700 mila biglietti staccati! Nel 2017 gli ingressi sono stati 150 mila, con una crescita del 10% rispetto all'anno precedente. Aderiamo anche al circuito Card Abbonamento Musei Lombardia, nel cui ambito ci siamo attestati come nono museo per numero d'ingressi. Un successo che riconosce l'efficacia della nostra proposta culturale – che impiega tecnologie di fruizione all'avanguardia – e dei nostri contenuti. Il nostro punto di forza è sicuramente anche il continuo aggiornamento dei contenuti sviluppata grazie all'incessante attività di ricerca, che induce molti visitatori a ripetere la visita con soddisfazione. Collaboriamo con diversi partner esterni e ci stiamo inserendo sempre più nel tessuto socio-culturale della città. Facciamo inoltre parte dell'offerta turistica cittadina, visto che oltre il 60% dei nostri visitatori sono stranieri. I nostri contenuti sono adatti ad adulti, bambini, famiglie e scuole di ogni ordine e grado (abbiamo ospitato più di 11 mila classi). Siamo aperti 364 giorni all'anno con un orario più esteso di qualsiasi mostra o sede museale italiana. Concludo con un appello auspicando un interesse da parte delle istituzioni affinché questa mostra possa diventare un museo permanente, magari ampliando i suoi spazi”. I curatori della mostra Mario Taddei ed Edoardo Zanon hanno presentato alla stampa le novità espositive, frutto di un lungo lavoro di ricerca sugli scritti di Leonardo, di sviluppo grafico e di realizzazione materiale dei prototipi. Mario Taddei, presentando gli esiti del lavoro di ricerca sulle fasi fusorie del Monumento equestre Sforza e il modello della Mitragliatrice Rotosferica, ha dichiarato: “Per la prima volta, con l'ausilio di strumenti multimediali all'avanguardia è possibile scoprire il diario di Leonardo nel quale svela uno dei suoi studi più complessi ed uno dei suoi più cocenti fallimenti: il progetto del maestoso Cavallo per il Monumento Sforza. Nella nuova galleria dedicata si possono vedere una serie di macchine che illustrano le fasi fusorie del monumentale Cavallo, scoprendone i segreti e le tecniche, e ammirare per la prima volta la ricostruzione completa del monumento Sforza”. Sulla Mitragliatrice Taddei aggiunge: “La Mitragliatrice Rotosferica è rimasta nascosta in un manoscritto per Cinquecento anni, oggi è stata ricostruita e rappresenta uno strumento sorprendentemente moderno e tecnologicamente avanzato”. L’esperienza interattiva dedicata alle Teste grottesche, il modello dell’“Ocelo da comedia” e della Tromba gigante – che è stata suonata in anteprima nel corso della conferenza stampa – sono le novità curate da Edoardo Zanon, che ha commentato: “In occasione di questo speciale quinto anniversario della mostra abbiamo pensato di sviluppare un nuovo genere di proposta culturale. Nella nuova sala dedicata all'esperienza Grotesque, abbiamo deciso di rinunciare alla dimensione puramente didattica per approcciarne una più interattiva e contemplativa, da vivere con uno spirito diverso dal resto dell'esposizione. Grazie ad lungo ed incredibile lavoro di ricostruzione tridimensionale, il pubblico potrà riportare in vita – nel rispetto della meraviglia del disegno – quattro volti grotteschi, tentando così di cogliere quei “moti dell’animo” tanto cari a Leonardo. Presentiamo inoltre un nuovo strumento musicale di Leonardo perfettamente funzionante mai realizzato prima e visibile solo presso la nostra mostra: la Tromba gigante”.

Torna su
MilanoToday è in caricamento